Le sfilate della Milano Fashion Week superano i 50 milioni di play sul web. Camera moda: Primi per valorizzazione della copertura mediatica

Le sfilate della Milano Fashion Week dello scorso febbraio hanno totalizzato oltre 50 milioni di play su milanofashionweek.cameramoda.it e sui canali degli streaming partner di CNMI. Lo rende noto la camera nazionale della moda, spiegando che Kommersant Publishing House; Tencent Video, The Asahi Shimbun, hanno amplificato i contenuti della settimana della moda in tutto il mondo, coprendo così in contemporanea tutte le time zone.

Come riporta Ansa, secondo l’analisi di DMR Group, la Milano Fashion Week di febbraio ha raggiunto un Earned Media Value (Print, Web e Social Media) di € 18,927,777, confermandosi come prima Fashion Week per valorizzazione della copertura mediatica con il 44,1% dell’EMV totale.

Carlo Capasa

“Siamo felici dei numeri di questa Milano Fashion Week, che – commenta il Presidente di Camera Nazionale della Moda Italia, Carlo Capasa – ha visto la partecipazione di molti nostri Soci, la presenza di brand internazionali e il supporto a talenti emergenti, a sottolineare l’importanza e la valenza della settimana della moda di Milano sia pure in un momento così difficile per la nostra industria”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto