Dazn e le bellicose strategie di Len Blavatnik per far fuori Sky prima in Germania e poi in Italia

Dazn la “Netflix of Sport” batte Comcast con un affare da 3 miliardi di dollari’ è titolo di un lungo articolo pubblicato ieri sera da Bloomberg firmato da David Hellier e Daniele Lepido che racconta al pubblico internazionale dell’agenzia l’accordo concluso con la Lega per “diventare la principale emittente televisiva nazionale della Serie A italiana, il campionato che ospita giocatori di gran peso tra cui Cristiano Ronaldo e Zlatan Ibrahimovic” pagando “un totale di circa 2,5 miliardi di euro ($ 3 miliardi) il contratto di tre stagioni”.
L’articolo e’ interessante perché racconta la storia vista dall’ottica internazionale di una grande agenzia economica. Eccone alcuni stralci:

Len Blavatnik (foto lenblavatnik.com)

“ L’accordo significa che la società di streaming, sostenuta dal miliardario Len Blavatnik è ora l’emittente di riferimento per milioni di fan nel paese pazzo di calcio. La vittoria di DAZN sottolinea come nuove generazioni di emittenti stanno crescendo per sfidare gli operatori storici che hanno a lungo fatto affidamento per il loro business sugli sport premium e pacchetti di intrattenimento. DAZN offre ai suoi
clienti una gamma di contenuti online senza la necessità di registrarsi a contratti a lungo termine più costosi”. (….) Scrivono Hellier e Lepido. Che riconoscono come “La vittoria di DAZN non è stata facile e sblocca una situazione di stallo, che dura da settimane anche per le contestazioni di alcuni presidenti di club che giudicano inaffidabile la capacità Dazn di garantire una coperture del servizio streaming in tutta Italia, dove la connessione alla rete internet e’ molto diversa da zona a zona”.

“ Con 1 miliardo di euro di supporto tecnologico e finanziario garantito dal gestore telefonico Telecom Italia SpA, DAZN è riuscita a spodestare Sky, il pioniere del calcio televisivo che ha tenuto i diritti della Serie A. diritti per quasi due decenni. La borsa ha fatto sentire il suo giudizio positivo con le azioni di Telecom Italia cresciute del 3,5% alla chiusura di venerdì a Milano, superando il guadagno dello 0,7% in Indice FTSE MIB di riferimento per l’Italia.

Prima l’Europa – Aver conquistato i diritti della Serie A è un altro segno che la strategia focalizzata sull’Europa sta iniziando a dare i suoi frutti per DAZN. E’ infatti la seconda volta in meno di un anno che il gruppo ha ottenuto una vittoria su Sky, dopo quella minore in Germania a giugno. (…) Dazn è stata lanciata nel 2016 per acquisire i diritti di trasmissione di sport inclusi calcio, boxe e corse automobilistiche di Formula 1 in Europa, Asia e le Americhe. Tuttavia, il ritmo di quell’espansione globale ha pesato sulle finanze DAZN che nel 2019 ha riportato una perdita operativa di 1,4 miliardi di sterline ($ 1,9 miliardi). La scorsa estate è stato nominato un nuovo gruppo dirigente sotto l’allora amministratore delegato James Rushton.
Insieme all’ex presidente John Skipper, Rushton ha valutato i mercati principali su cui DAZN voleva costruire puntando sul calcio, come Italia e Germania, e quelli da cui ritirarsi come lo streaming della UEFA Champions League, di alcune partite in Asia e della Serie A in Brasile DAZN ha anche tagliato un contratto con la Major League di Baseball negli negli Stati Uniti.

Tra le nuove strategie di DAZN ci sono i documentari originali realizzati con icone sportive globali come Ronaldo e Pugile britannico Anthony Joshua, presentati nel 2020. “Vogliamo dare al nostro pubblico un motivo per ritornare continuamente su DAZN”, aveva spiegato Ed McCarthy, chief operating officer del gruppo. “Gli appassionati di sport vogliono qualcosa di più dell’azione dal vivo”.

Nel frattempo, Blavatnik ha continuato a rimodellare la panchina dei manager dell’azienda, a gennaio ha reclutato Shay Segev dal gruppo di gioco FTSE 100 Entain Plc affiancandolo come co-CEO a Rushton. Questo mese DAZN ha nominato Kevin Mayer, per anni dirigente di punta della Walt Disney Co, presidente come successore di Skipper. Mayer nella sua prima uscita pubblica in una intervista a CNBC ha espresso interesse per i diritti della Premier League britannica.

Len Blavatnik, il cui patrimonio netto è stimato a $ 37,4 miliardi da il Bloomberg Billionaires Index, ha speso centinaia di milioni di dollari nel tentativo di trasformare DAZN in una protagonista del business dello sport mediatico. Il suo approccio è di chi non teme le grandi scommesse come ha dimostrato acquistando Warner Music Group Corp. per 3,3 miliardi di dollari nel 2011, quando le entrate del settore della musica erano pesantemente minacciate dalla pirateria. Ora il gruppo tornato sul mercato vale circa $ 16,5 miliardi.
“La sua esperienza nel campo degli investimenti dimostra un’acuta capacità di individuare le tendenze in anticipo e scoprire le opportunità che potrebbero sembrare controintuitivo al valore nominale “, ha detto Edgar Bronfman Jr., che era presidente del settore discografico all’epoca dell’acquisizione di Blavatnik. “Len ha la determinazione e la voglia di affrontare qualsiasi sfida aziendale. ”

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La radio è diventata una piattaforma con fruitori smart ed è estremamente efficace nel drive to store. Radiocompass: ‘La Radio Rende’

La radio è diventata una piattaforma con fruitori smart ed è estremamente efficace nel drive to store. Radiocompass: ‘La Radio Rende’

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Terremoto in Lega Serie A, 7 club chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino: Irrevocabile sfiducia da parte delle società, tra cui Juve e Inter

Terremoto in Lega Serie A, 7 club chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino: Irrevocabile sfiducia da parte delle società, tra cui Juve e Inter