Volkswagen entra nel mercato Usa con le auto elettriche e annuncia su Twitter il cambio di nome in Voltswagen. Ma è tutto uno scherzo

La Volkswagen si prepara a introdurre negli Stati Uniti una nuova unità operativa, la ‘Voltswagen of Am erica’, dedicata esclusivamente alle proprie auto elettriche: è quanto emerge da un comunicato stampa pubblicato ieri sul sito del colosso automobilistico tedesco e successivamente rimosso.Ieri un portavoce della compagnia non ha voluto commentare il comunicato, ma una fonte a conoscenza dei piani della società ha confermato il progetto alla Cnbc. Poi, oggi, il chiarimento: la notizia del cambio di nome della Volkswagen Usa in ‘Voltswagen’, per enfatizzare la svolta elettrica è stata uno scherzo, un pesce di aprile. L’annuncio era comparso ore fa in un comunicato dalle sembianze ufficiali su Twitter e ripreso dai media mondiali.

Il logo della casa automobilistica (Foto EPA/FILIP SINGER)

La nota indicava che il nuovo marchio è atteso per maggio e definiva la decisione una “dichiarazione pubblica sull’investimento lungimirante della compagnia nella mobilità elettrica”. Secondo i piani, solo le auto elettriche potranno fregiarsi del marchio ‘Voltswagen’, che sarà di colore blu chiaro, mentre quelle a benzina e diesel continueranno ad avere il tradizionale marchio ‘VW’ in blu scuro.
La nuova Voltswagen of America sarà un’unità operativa della Volkswagen Group of America ed una sussidiaria della casa madre Volkswagen AG ed avrà il suo quartier generale a Herndon, in Virginia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

#TOKYO2020, i migliori video di Eurosport – 4 agosto

#TOKYO2020, i migliori video di Eurosport – 4 agosto

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Xiaomi supera tutti, Samsung non è più primo marchio di smartphone in Europa

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta

Federica Pellegrini entra nel Cio: La mia esperienza in favore degli atleti. Futuro al Coni? Un passo alla volta