Il sottosegretario all’Editoria Moles convocherà al più presto il tavolo sull’equo compenso per i giornalisti: l’annuncio all’Odg

Il tavolo sull’equo compenso per i giornalisti sarà al più presto convocato dal sottosegretario all’editoria Giuseppe Moles che oggi ha incontrato e rassicurato sul punto il presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna.

Serrato e proficuo lo scambio di opinioni su molti temi della professione, anche quelli di non diretta competenza del dipartimento incardinato presso la presidenza del Consiglio: dalle liti temerarie alla legge 150, alla soluzione improcrastinabile del caso Inpgi con salvezza dell’integrità dei diritti pensionistici maturati e dell’autonomia dell’Istituto. Temi sui quali lo stesso Moles dovrà confrontarsi coi suoi colleghi di Governo.

Tra le disponibilità maggiormente apprezzate dalla delegazione dell’Ordine dei giornalisti, quella del sottosegretario a un’interlocuzione continua e costante auspicabilmente in presenza – diversamente da oggi in cui la riunione si è svolta in modalità telematica – su temi che non possono essere trattati e risolti con una bacchetta magica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La radio è diventata una piattaforma con fruitori smart ed è estremamente efficace nel drive to store. Radiocompass: ‘La Radio Rende’

La radio è diventata una piattaforma con fruitori smart ed è estremamente efficace nel drive to store. Radiocompass: ‘La Radio Rende’

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Ferrari, ok al bilancio. Elkann confermato presidente: Progressi verso short list per nuovo ceo, primo modello tutto elettrico nel 2025

Terremoto in Lega Serie A, 7 club chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino: Irrevocabile sfiducia da parte delle società, tra cui Juve e Inter

Terremoto in Lega Serie A, 7 club chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino: Irrevocabile sfiducia da parte delle società, tra cui Juve e Inter