Alla Rai i diritti esclusivi multipiattaforma dei Mondiali 2022 in Qatar. Salini: prima volta in un periodo altamente strategico per i media

A seguito della gara per i diritti dei media italiani per la Coppa del Mondo Fifa 2022, la Fifa ha assegnato i diritti esclusivi del mondiale alla Rai, emittente del servizio pubblico nazionale italiano. Alla Rai sono stati assegnati i diritti multipiattaforma in televisione, digitale e radio e fornirà una piattaforma di trasmissione estremamente forte per il torneo. La Rai, oltre a rendere disponibili in diretta sul territorio tutte le 64 partite, offrirà anche un’ampia programmazione di supporto, tra cui highlights e palinsesto. Almeno 28 partite del torneo, inclusa la partita di apertura, la finale ed entrambe le semifinali, verranno trasmesse sul canale di punta dell’emittente, Rai 1, soddisfacendo gli obiettivi della Fifa di fornire un’ampia visibilità per le sue competizioni.

La Coppa del Mondo Fifa Qatar 2022 sarà la 22a edizione della competizione, e sarà particolarmente unica in quanto la prima Coppa del Mondo in Medio Oriente e la prima che si svolgerà a novembre/dicembre. Con sedi ultramoderne, condizioni di gioco ottimali e un’impronta compatta dell’evento, la nazione ospitante fornirà una piattaforma unica per celebrare il gioco e la sua capacità di connettere e ispirare persone in tutto il mondo. Il torneo seguirà il formato tradizionale, con 32 squadre partecipanti e 64 partite, offrendo una fase a gironi altamente competitiva seguita da un’entusiasmante fase a eliminazione diretta.

 

Marcello Foa e Fabrizio Salini (foto Ansa)

“Siamo molto felici di aver riportato i Mondiali di calcio in Rai – dichiara Fabrizio Salini, Amministratore delegato della Rai – e siamo orgogliosi di aver rafforzato la consolidata partnership tra Rai e FIFA. Il nostro accordo consentirà alla Rai di presentare al pubblico il torneo di calcio più prestigioso al mondo, che, per la prima volta nella storia si disputerà in un periodo altamente strategico per i media”.

“Si tratta di un grande successo – commenta il Presidente della Rai, Marcello Foa -. Siamo arrivati a questo risultato grazie a una strategia negoziale portata avanti con abilità e coerenza, che dimostra la forza e le competenze della Rai. Riconquistiamo così il primato nella trasmissione di uno degli eventi più amati dagli italiani, che nella Nazionale di calcio si riconoscono uniti anche nei momenti più difficili”.

Il direttore dei diritti dei media e dei servizi per i contenuti della Fifa, Jean-Christophe Petit, ha dichiarato: “Dopo un processo di gara molto competitivo, siamo lieti di aver concluso un accordo con un forte media partner in Italia per la Coppa del Mondo Fifa 2022. Non vediamo l’ora lavorare con la Rai per rendere questa Coppa del Mondo unica nel suo genere un grande successo e creare un’esperienza indimenticabile per tutti i fan italiani”.

I diritti per la Coppa del Mondo Fifa 2022 sono ancora disponibili in alcuni territori. La Fifa ha lanciato una gara per i diritti dei media della competizione in Grecia all’inizio di questo mese, che si chiuderà martedì 20 aprile. Attraverso la vendita dei diritti dei media per i suoi tornei, la Fifa genera entrate che sono essenziali per sostenere e sviluppare il calcio in tutto il mondo, ad esempio attraverso il Fifa Forward Development Program.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani