Iliad, la ‘verità’ nella comunicazione con un classico della letteratura in piazza a Milano

Condividi

Dal genio del Rinascimento al Nobel per la letteratura. Iliad punta in alto e associa il proprio nome a protagonisti della cultura di tutti i tempi. Il nuovo progetto – una installazione a forma di libro gigante, in piazza del Duomo a Milano – guarda a Gabriel García Márquez proponendo Centanni di giga, minuti, sms’: una risposta per combattere i ‘Centanni di solitudine’ dell’autore colombiano, restando sempre in contatto telefonico con le persone cui teniamo. E così grazie all’offerta di un pacchetto per traffico dati e voce, scrive Iliad sul retro dell’installazione, “abbiamo messo la verità nero su bianco”.

Più problematico invece l’ingaggio da main sponsor della fiction ‘Leonardo’. È vero che la serie che ha debuttato su Rai 1 il 23 marzo – e di cui si è già annunciata una seconda stagione – è partita con un record di ascolti: 6.950.000 spettatori, anche se in continuo calo nelle settimane seguenti. Ed è vero che la sponsorizzazione fa leva su una frase di Leonardo da Vinci – “Tutti gli esseri umani si parleranno e si comprenderanno e quasi toccheranno pur stando in emisferi diversi” – particolarmente simbolica per un operatore di telefonia mobile.

AidanTurner, ‘Leonardo’

Quello che stona però è il claim della compagnia, ‘La verità fa crescere’, applicato a un progetto televisivivo costruito su una serie di falsi (anche se gli autori preferiscono definirle finzioni creative) storici, a partire dal povero Leonardo accusato dell’omicidio di Matilda De Angelis.