Diritto d’autore, siglato accordo tra Associazione fonografici italiani (Afi) e Associazione liberi autori ed editori (Lea)

E’ stata sottoscritta la convenzione quadro tra AFI – Associazione Fonografici Italiani, che rappresenta gli interessi dei produttori musicali italiani, in Italia e all’estero e l’organizzazione di gestione collettiva LEA Associazione Liberi Autori ed Editori. L’intesa stabilisce i termini e le condizioni che permettono ai produttori discografici iscritti ad AFI di accedere alle opere appartenenti al catalogo LEA e si inserisce nel contesto della nuova normativa in materia di diritto d’autore e all’interno di un mercato ormai liberalizzato. “L’accordo appena raggiunto si pone in linea con la missione della nostra Associazione e i principi del mio mandato volto all’efficientamento e attento alle integrazioni offerte dai nuovi mercati”, ha commentato Sergio Cerruti, presidente di AFI.

Sergio Cerruti

Soddisfatto dell’accordo, riferisce Ansa, il Presidente di LEA, Lorenzo Attolico, che ne sottolinea l’importanza sul tema della tutela del diritto d’autore: “Questo Contratto di Licenza Generale chiude il cerchio degli accordi che noi, come LEA, dobbiamo concludere con le associazioni dei discografici al fine di tutelare completamente i nostri autori ed editori, anche sotto l’aspetto dello sfruttamento delle loro opere nelle registrazioni”.

Lorenzo Attolico

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale