Clubhouse, finta app per computer nasconde un virus. Gli annunci “trappola” su Facebook (che ha rimosso i banner)

I cybercriminali sfruttano la popolarità di Clubhouse, la piattaforma solo voce e in streaming, per diffondere un ransomware, cioè un virus che prende in ostaggio un dispositivo e chiede un riscatto per restituire in dati.

Secondo il sito TechCrunch, gli aggressori informatici stanno sfruttando gli annunci comparsi su Facebook che promuovono una finta app Clubhouse per computer, per diffondere malware. Dopo aver cliccato sull’annuncio, l’utente viene portato ad un falso sito di Clubhouse e quando prova a scaricare una presunta versione per computer dell’app, accede invece ad un file che contiene un ransomware. Sono almeno nove i banner scoperti da TechCrunch e segnalati a Facebook, apparsi sul social network tra martedì e giovedì scorso. L’azienda dopo la segnalazione li ha cancellati così come ha rimosso le pagine associate.

Clubhouse (foto LaPresse)

Non è la prima volta che Clubhouse viene usata per diffondere virus informatici, qualche settimana fa è accaduto anche con una finta app per Android, piattaforma sulla quale Clubhouse non è ancora presente e su cui dovrebbe sbarcare entro maggio. Al momento Clubhouse è disponibile solo per i dispositivi con sistema operativo iOS diApple e solo su invito.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani