La Nuova Sardegna festeggia 130 anni con una serie di inserti speciali

Condividi

Fondato nel 1891 da un gruppo di intellettuali e politici tra i quali c’era anche il nonno e omonimi dell’ex segretario del PCI, Enrico Berlinguer, la Nuova Sardegna festeggia i suoi 130 anni con una serie di inserti speciali. Le sedici pagine di quello in edicola col quotidiano – che dal 2016 è gestito con la formula finora inedita in Italia dell’affitto di ramo d’azienda dalla DBInformation Spa, sono dedicate ai ‘Sardi che dissero No’, con riferimento al Fascismo che dopo 17 sequestri del giornale ne dispose nel 1926 la chiusura. Le pubblicazioni ripresero nel 1947 dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.


Il pezzo di apertura dell’inserto è dedicato al fondatore del Partito Comunista, Antonio Gramsci, un uomo che Mussolini (ritratto nella prima pagina dello speciale in auto insieme a Hitler) temeva anche da morto. Come ricorda Piergiorgio Pinna – una delle firme del giornale – le carte segrete dell’Ovra certificano la presenza nella clinica Quisisana di Roma di personale della polizia segreta che aveva l’incarico di “impedire a quel cervello di pensare per i prossimi 20 anni”. Tra i documenti, oltre all’annotazione delle 4,10 del 27 aprile 1937 come il momento dell’ultimo respiro di Gramsci, c’è anche la spiegazione sui ritardi della cremazione, che venne rinviata per non farla coincidere con la Festa del Lavoro. Un altro articolo rievocativo è quello dedicato all’anarchico MIchele Schirru, fucilato dai fascisti, perche’ voleva uccidere Mussolini. Un episodio, come ha spiegato in un saggio Giuseppe Fiori, che consente ai giudici di applicare le nuove regole del codice Rocco. “L’intenzione è atto? Pensare di compiere un delitto è uguale ad aver tentato di compierlo”.
Nello speciale – realizzato da un pool di redattori e collaboratori, coordinati dal direttore Antonio Di Rosa – è anche un articolo dedicato all’ingegner Giorgio Sisini, fondatore della Settimana Enigmistica, primogenito di una dinastia di imprenditori di Sorso, piccolo comune in provincia di Sassari, specializzati in macchina agricole e industriali.