Design, pressing sul governo di Salone del mobile e FederlegnoArredo per l’edizione di settembre

Condividi

Il settore del design è fiducioso sul via libera da parte del governo alla riapertura delle fiere internazionali che consentirebbe di tenere a settembre il Salone del mobile di Milano, affiancato dal Fuorisalone che ha già deciso di organizzare un’edizione speciale. “Durante la fitta serie d’incontri dei giorni scorsi con Palazzo Chigi, ministero degli Esteri, ministero dell’Interno, ministero dello Sviluppo Economico, ministero della Salute, ministero degli Affari Regionali abbiamo registrato la volontà del governo di supportare concretamente la ripartenza del Salone del Mobile”, precisa una nota di FederlegnoArredo e Salone del Mobile.

“Il Salone del Mobile di Milano è un patrimonio inestimabile per l’intero Paese e il governo ha confermato di esserne pienamente consapevole”, dice il presidente della manifestazione Claudio Luti. “Siamo quindi fiduciosi che le rassicurazioni ricevute ieri possano al più presto trasformarsi in atti concreti. Ma soprattutto deve essere una scelta condivisa da parte delle aziende che devono confermare la propria partecipazione alla manifestazione dando al settore dell’arredamento, all’economia nazionale e alla società un impulso fondamentale per la ripresa”.

Claudio Luti

Anche Claudio Feltrin, presidente di FederlegnoArredo, sottolinea il segnale importante arrivato dalla politica, “che ha colto in pieno l’urgenza di avere, oltre a una data certa, le dovute rassicurazioni per organizzare con i tempi necessari un evento così importante come il Salone del Mobile di Milano. Anche dopo l’ok del governo alla presenza di pubblico per gli Europei di calcio cresce la convinzione che la ripartenza sia davvero a portata di mano, e tagliare il nastro del Salone a settembre sarebbe il modo migliore per dire al mondo che l’Italia è tornata alla nuova normalità”.

Claudio Feltrin