Lvmh, Prada e Cartier su una sola blockchain globale. I 3 big del lusso uniti dalla tecnologia per garantire autenticità e tracciabilità

LVMH, il Gruppo Prada e Cartier, marchio del gruppo Richemont, fondano Aura Blockchain Consortium, un consorzio a sostegno della prima blockchain globale dedicata all’industria del lusso. Si chiama Aura Blockchain Consortium ed è “aperta a tutti i marchi del lusso a livello mondiale, per garantire ai consumatori maggiore trasparenza e tracciabilità” spiega una nota. Bulgari, Cartier, Hublot, Louis Vuitton e Prada sono già attivi sulla piattaforma.

Il ceo di Lvmh Bernard Arnault (Foto Ansa EPA/IAN LANGSDON)

La tecnologia offerta – riporta Ansa – permette al consumatore di avere accesso diretto alla storia dei prodotti e alla loro garanzia di autenticità. I clienti possono seguire facilmente e in modo trasparente il ciclo di vita di un prodotto, dalla sua creazione alla distribuzione attraverso dati affidabili lungo tutto il processo, rafforzando così la relazione con i loro marchi di riferimento. Il sistema tecnologico, spiega una nota,  è costituito da una blockchain privata multi-nodale ed è protetto dalla tecnologia ConsenSys e da Microsoft. Registrerà le informazioni in modo sicuro e non riproducibile e genererà un certificato unico per ogni proprietario.

Il consorzio è aperto a tutti i marchi del lusso, indipendentemente dal settore o dal paese in cui operano; è un’organizzazione senza scopo di lucro “che mira a migliorare le relazioni con i clienti e la protezione dei marchi” e i profitti saranno reinvestiti per garantire lo sviluppo tecnologico della piattaforma. “Aura Blockchain Consortium è una grande opportunità per il nostro settore; unendo le forze con altri marchi del lusso stiamo aprendo la strada alla trasparenza e alla tracciabilità” commenta Toni Belloni, Direttore Generale Delegato di Lvmh.  

“Abbiamo intrapreso un percorso di collaborazione e fiducia senza precedenti nel nostro settore; abbiamo dato vita ad un progetto unico e innovativo, creando valore grazie a un sistema di autenticazione sostenibile che genererà infinite possibilità” aggiunge Lorenzo Bertelli, Head of Marketing & Head of CSR del Gruppo Prada. E infine Cyrille Vigneron, Presidente e CEO di Cartier International e nel cda di Richemont ricorda come “l’industria del lusso realizza oggetti senza tempo e deve garantire che standard rigorosi perdurino e rimangano in mani fidate. Invitiamo quindi l’intero settore a unirsi a questo consorzio per progettare una nuova era del lusso rafforzata dalla tecnologia blockchain”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale