Settore smartphone in ripresa, ma Huawei non è più tra big. Aumento del 24% delle consegne su base annua

Dopo un 2020 difficile, il settore smartphone mostra segnali di ripresa. Secondo la società Strategy Analytics il primo trimestre dell’anno evidenzia un aumento delle consegne su base annua pari al 24%; per gli analisti è il più elevato tasso di crescita registrato dal 2015.

In totale solo nei primi tre mesi dell’anno sono stati consegnati 340 milioni di smartphone. Gran parte del risultato è legato alla forte accelerazione impressa dai produttori cinesi sul fronte dei modelli dotati di 5G. Nella classifica produttori in vetta c’è Samsung seguita da Apple. Huawei – per le note vicende del bando Trump – non figura più tra i big.

Il logo di Huawei (Foto Ansa – EPA/JENS SCHLUETER)

Samsung ha consegnato nel primo trimestre 2021, 77 milioni di unità (+32% su base annua), seguita da Apple (57 milioni di unità, +44%) e dalla tripletta di aziende cinesi Xiaomi, Oppo e Vivo, rispettivamente al terzo, quarto e quinto posto. Se nel complesso – fanno notare gli analisti – il primo quadrimestre del 2021 può essere annoverato tra i migliori trimestri registrati dal settore negli ultimi anni, resta ancora da risolvere l’incognita della carenza di chip che potrebbe condizionare negativamente i prossimi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani