Italiani tech-friendly. Uno su 2 nel dopocena è davanti alla tv; 7 device in media in famiglia (ma si arriva anche a 12); boom streaming

Radio digitale appena svegli, pranzo al volo scrollando le news sullo smartphone e un ottimo e-book prima di andare a dormire, ma solo dopo aver guardato la nuova serie sulla nostra piattaforma on demand preferita. I dispositivi tech sono ormai essenziali nella nostra vita, come dimostra anche una recente survey condotta da Toluna, principale piattaforma di consumer insights sul mercato, in collaborazione con UPA, su un campione intervistato online di 1000 rispondenti.

Obiettivo della ricerca: indagare l’esperienza quotidiana delle famiglie italiane nell’uso di device tecnologici, per ottenere insights utili, per il mercato pubblicitario, per prendere decisioni adatte ai propri target ed obiettivi specifici.

7 device a famiglia, smartphone in vetta
Oggi la quantità di dispositivi tech nelle nostre case è esplosa: il 46% degli intervistati dichiara di disporne di 7, di cui 4 condivisi con gli altri familiari e 3 ad uso strettamente personale. Media che aumenta sino a 12 device nell’11% delle famiglie con figli fino ai 14 anni, le più digital friendly.
Non sorprende, poi, che in vetta alla classifica di quelli a cui non possiamo rinunciare ci sia lo smartphone (96%), seguito da PC e laptop (95%). In coda, e-book e smart speaker, sfruttati solo dal 30% circa delle famiglie.

Device sharing ma non per gli under 34
Se la TV (64% tradizionale, 57% smart) e la radio tradizionale (49%) si prestano facilmente allo sharing familiare, smartphone, PC e tablet sono i dispositivi personali per eccellenza. Tra i più individualisti in famiglia gli under 34, le famiglie con figli piccoli, invece, le più abituate alla condivisione.
Tra under e over 55 si delinea un notevole scarto generazionale in termini di tecnologia: più smart i primi, meno i secondi, che si rivelano anche più avvezzi allo sharing di device tradizionali, ma poco interessati alla tecnologia connessa.

Smartphone-addicted anche nel weekend
Se 1 italiano su 3 accende la radio tradizionale di mattina e 1 su 2 la TV di sera, soprattutto a cena e dopo cena, tutti sono invece decisamente rapiti dallo smartphone in ogni momento della giornata: è l’unico device davvero onnipresente, che ci affianca dal risveglio (57%) al dopocena (60%), fino al momento di andare a dormire (39%), con picchi di utilizzo che superano il 70% nel corso della mattinata e del pomeriggio. Non solo. Sembra che queste abitudini non cambino quando non si lavora: una buona dose di smartphone anche nel weekend, con quasi 1 intervistato su 3 che lo usa pure a pranzo e cena.

Zapping tra una piattaforma e l’altra
La top 3 dei provider di programmi on demand a pagamento è rappresentata da Amazon Prime (54%), Netflix (46%) e SKY (29%). Gli intervistati dichiarano di aver sottoscritto in media 2,4 abbonamenti per famiglia, con varie combinazioni di piattaforme: 1 intervistato su 3 fa zapping tra Netflix e Amazon Prime, 1 su 6 tra Netflix e SKY. Tra gli heavy users, gli abbonati con figli fino a 14 anni: il 69% si intrattiene sulla piattaforma di Jeff Bezos, il 58% su Netflix e il 44% su SKY.
Il boom dello streaming online ha favorito uno switch da programmi live a contenuti on demand, fruiti soprattutto su tablet (66%), PC e laptop (64%), ma anche Smart TV e smartphone (60%). Ciononostante, è interessante segnalare che un consistente 18% non ha ceduto alla sua avanzata e dichiara di non aver sottoscritto alcun abbonamento on demand a pagamento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm