Vezzali: insegnare ai bambini che l’obiettivo non sono i soldi ma la maglia azzurra e alzare una coppa

“Mai come ora abbiamo bisogno di far tornare a sognare i bambini e insegnar loro che tirare un calcio a un pallone non ha l’obiettivo di guadagnare tanti soldi ma poter un giorno indossare la maglia azzurra e alzare quella Coppa”. Lo ha detto la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, intervenuta alla presentazione degli Europei di calcio a Roma, nello scenario all’aperto del Foro di Traiano.

Valentina Vezzali (AP Photo/Alessandra Tarantino)

“Per l’Italia gli Europei di giugno -ha detto Vezzali- rapprsnta un evento che va oltre il calcio. La maglia azzurra è un sogno per i bambini” ma anche” un elemento di raccordo per il paese. Quando siamo stati chiamati abbiamo dato il nostro contributo per poter garantire agli italiani la presenza della tappa italiana, lo dovevamo a Roma, all’Italia e agli italiani sportivi. La tappa all’Olimpico rappresenterà per l’talia e per tutta Europa il ritorno a poter vivere lo sport, si potrà finalmente tornare a tifare e supportare la squadra che ci rappresenta tutti. E sono contenta -sottolinea- che sia Roberto Manini a guidare i nostri atleti, loro avranno la grandissima responsabilità di riuscire a farci tirare fuori dai nostri balconi il tricolore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alla redazione di Napoli di Fanpage.it notificano un decreto di sequestro e oscuramento preventivo. Odg: Vicini ai colleghi

Alla redazione di Napoli di Fanpage.it notificano un decreto di sequestro e oscuramento preventivo. Odg: Vicini ai colleghi

Joe Russo tra i protagonisti della 7° edizione di MIA, MERCATO INTERNAZIONALE AUDIOVISIVO

Joe Russo tra i protagonisti della 7° edizione di MIA, MERCATO INTERNAZIONALE AUDIOVISIVO

Lunedì torna Striscia la notizia, arrivato alla 34esima edizione. Ricci: dopo le speranze nella scienza, prevale l’inscienza

Lunedì torna Striscia la notizia, arrivato alla 34esima edizione. Ricci: dopo le speranze nella scienza, prevale l’inscienza