Don Leonardi, sacerdote da 2 milioni di ‘Mi piace’ su TikTok: Come si può essere prete e non essere qui? Una sfida stare tra la gente

Edizioni Terra Santa pubblica “Il Vangelo secondo TikTok. Usare i social e restare liberi” di Mauro Leonardi, prete ed educatore, presente sul social preferito dai più giovani. Scrive l’autore nell’introduzione: “La domanda che mi viene rivolta più frequentemente dagli utenti di TikTok è: ‘Che ci fa un prete qui?’ e io, con un pizzico d’ironia, rispondo: ‘Come si può essere prete e non essere qui?'”.

I social sono aziende con l’obiettivo di fare business raccogliendo le nostre informazioni ma “nonostante tutto essi ci permettono di comunicare con il mondo e di essere creativi”, spiega il sacerdote. Don Leonardi – riporta Ansa – ha superato su TikTok i 2 milioni di ‘Mi Piace’. Prosegue don Mauro: “Cerco di spiegare che sono un prete ‘normale’ e tra me e me rifletto su quanto sia significativo che ancora venga percepito come ‘non normale’ un sacerdote che, oltre a fare ciò che fanno tutti, si impegna anche nella comunicazione secondo i canoni della vita di oggi”.

Don Mauro Leonardi

“La nascita dei social ci ha improvvisamente dato la possibilità di essere ovunque, ci ha precipitato nella sfida di essere nuovamente con la nostra gente, ma questa semplice realtà è ancora lontana dall’essere percepita come vera e positiva: spesso è solo letta come una minaccia, e come tale viene combattuta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale