Mondadori, a fine 2020 i crediti in sofferenza sono stati di 26,4 milioni. Al momento nessuna cessione di altre testate a Belpietro (La Verità)

A fine 2020 i crediti in sofferenza del gruppo Mondadori ammontavano a 26,4 milioni di euro a fronte di un’esposizione in crediti commerciali di 207,2 milioni di euro, al netto del fondo svalutazione crediti pari a 15,1 milioni di euro. Lo precisa la società rispondendo alle domande di un socio in vista dell’assemblea sul bilancio convocata in prima per il 27 e in seconda per il 28 aprile ma che si svolgerà, in base alle misure di contenimento del Covid, solo attraverso il rappresentante delegato.

Nel 2020, rende noto la società sempre rispondendo alle domande dei soci, il costo complessivo della cybersecurity è stato pari a 880 mila euro.

Marina Berlusconi (Foto LaPresse – Stefano Porta)

Dal punto di vista strategico invece, “al momento non rientra nei nostri piani” cedere altre testate a Maurizio Belpietro, risponde Mondadori che nel 2019  ha venduto a La Verità 6  magazine: Panorama, Confidenze, Cucina Moderna, Sale&Pepe, Starbene e Tustyle, con una cinquantina di giornalisti, dando vita a una ‘newco’ la cui partecipazione è al 75% de La Verità e al 25% di Mondadori.

Mondadori si lascia tutte le strade aperte: “il Gruppo è dotato di tutte le risorse, manageriali e finanziarie indispensabili a proseguire il percorso di rafforzamento dei core business, di espansione in nuovi segmenti del settore editoriale o adiacenti ad esso e di eventuale razionalizzazione delle attività non strategiche, coerentemente perseguito nel corso degli ultimi anni, anche attraverso operazioni di M&A” .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale