Rai Cinema, Del Brocco: elemento vincente dei nostri film sono storie forti dove la gente si riconosce; dopo la Pandemia meno storie intimiste

Condividi

“L’elemento vincente del nostro cinema saranno le storie forti, che facciano provare emozioni, che siano anche un po’ di pancia”. Lo ha detto l’ad di Rai Cinema Paolo Del Brocco, presentando le produzioni della prossima stagione. Sul futuro del cinema e sulle ripercussioni della pandemia nel cinema Rai, Del Brocco aggiunge: “Nessuno di noi sa a cosa si vada incontro, ma io spero che ci sia un rimbalzo delle persone a tornare al cinema in sala. Io penso che la voglia ci sia”.

Paolo Del Brocco

Sui contenuti delle storie, e sull’influenza che il covid ha avuto nel racconto cinematografico, “credo che dopo questa pandemia ci sarà meno voglia di storie rarefatte e intimiste, ma più la voglia di riconoscersi in qualcosa. Storie dove riconosciamo le caratteristiche della nostra società, nel bene e nel male. E a noi sembra che nelle nostre storie queste caratteristiche ci siano”, sottolinea Del Brocco.

Tra le nuove produzioni Polanski, Salvatores e Moretti – Tra le nuove produzioni di Rai Cinema ci sarà anche ‘The palace’ di Roman Polanski (con Eliseo Entertainment). Poi, due titoli di Gabriele Salvatores: ‘Comedians’, ispirato all’omonima pièce teatrale di Trevor Griffiths, con Natalino Balasso, Christian De Sica, Vincenzo Zampa, Ale&Franz, Walter Leonardi, Giulio Pranno (già in in post-produzione), e ‘Il ritorno di Casanova’, ispirato all’omonimo romanzo di Arthur Schnitzler, con Toni Servillo, Sara Serraiocco, Fabrizio Bentivoglio, Natalino Balasso (in sviluppo).

Torna Nanni Moretti con il suo film ‘Tre piani’, ispirato all’omonimo romanzo di Eshkol Nevo, con Margherita Buy, Riccardo Scamarcio, Alba Rohrwacher, Adriano Giannini, Elena Lietti, Alessandro Sperduti, Denise Tantucci, Nanni Moretti, Anna Bonaiuto, Paolo Graziosi. Moretti sarà anche fra i protagonisti di ‘Il colibrì’ di Francesca Archibugi, ispirato all’omonimo romanzo di Sandro Veronesi, insieme a Pierfrancesco Favino e Kasia Smutniak (in sviluppo).