Informazioni su restrizioni per il Covid e consigli per attività all’aperto nelle ricerche su Google e in Google Maps

Google, volendo supportare un’organizzazione informata sui viaggi in vista dell’estate, ha aggiunto nuovi avvisi relativi al Covid-19 all’interno di Maps e risultati di ricerca. Quando si cercano voli, hotel o attività peculiari di un determinato posto, la ricerca mostrerà agli utenti informazioni utili circa le misure anti-contagio adottate dai paesi di loro interesse, come la quarantena obbligatoria o una prova di test Covid negativo. Google permette di tenere traccia degli avvisi di viaggio o dell’eventuale cambiamento delle politiche di restrizione ricevendo aggiornamenti via email. Per aiutare le persone a pianificare meglio le vacanze, è stata ridisegnata anche la piattaforma di Maps, che prevede l’inserimento, nella scheda Esplora, di informazioni aggiuntive sulla pandemia e il suggerimento di molti più luoghi all’aperto.

Google (AP Photo/Ng Han Guan, File)

“Vedrai più destinazioni sulla mappa che comprendono anche le città più piccole e i parchi nazionali, così come attività all’aria aperta, le spiagge o gli impianti sciistici” ha affermato la compagnia in un post sul blog ufficiale. Dopo aver scelto una destinazione, Google mostrerà se ci sono in vigore restrizioni nel Paese di destinazione o in quelli attraversati, in caso di spostamento privato in automobile. A questo proposito, quando si sceglie una destinazione finale su Google Maps si potranno selezionare diversi luoghi in cui fermarsi tra cui hotel, campeggi e aree di sosta. Una volta stabilito l’itinerario, è possibile inviare le indicazioni stradali al telefono tramite testo, e-mail o la stessa app di Google Maps.

Negli ultimi mesi, Google ha reso ricerca e Maps strumenti importanti per l’ottenimento di informazioni relative al Covid-19. A fine 2019, il colosso americano ha aggiunto alle sue mappe un livello di visualizzazione extra, con le tendenze del contagio in tutto il mondo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale