Sergio Scalpelli torna all’editoria e alla politica

Sergio Scalpelli ha lasciato la direzione dei rapporti istituzionali e relazioni esterne di Fastweb, il gruppo di tlc che ha visto crescere dalla nascita.

Sergio Scalpelli, direttore relazioni esterne Fastweb

Sergio Scalpelli

“Dopo vent’anni di lavoro ho accolto l’occasione di uscire con un accordo che mi accompagna fino alla pensione che scatterà fra quattro anni”, dice Scalpelli. “Una decisione che ho potuto prendere sapendo di passare il testimone nelle mani sicure di Lisa di Feliciantonio, la mia bravissima vice”.
Scalpelli non nasconde la sua soddisfazione per la nuova vita che lo attende. Ritorna infatti ad occuparsi di editoria e politica le passioni della sua vita, con i suoi amici di sempre. Diventa infatti presidente di LINKIESTA Club che raccoglie gli amici sottoscrittori dell’omonimo giornale on line diretto da Christian Rocca, e anche direttore editoriale dell’Avanti, risorto con la direzione di Claudio Martelli.
Inoltre senza più impegni manageriali su un fronte delicato come quello dei rapporti istituzionali per un gruppo di tlc, Scalpelli è pronto a mettersi al lavoro per dare vita a un nuovo punto di riferimento riformista per la politica milanese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

Appello a Parlamento e Governo per una iniziativa che ridefinisca l’orizzonte della Rai, firmato da 118 intellettuali, accademici e manager

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

TOP DIFFUSIONE QUOTIDIANI e TREND. A Marzo boom di Fatto e Verità; in edicola bene anche Giornale

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani

David di Donatello, Mattarella: Istituzioni sostengano il cinema e l’audiovisivo, un patrimonio che appartiene a tutti gli italiani