Gli italiani amano sempre più gli audiolibri: sono 10 milioni gli ascoltatori nel nostro Paese (+11% sul 2020), perlopiù millennials

Cresce la passione degli italiani per gli audiolibri: rispetto al 2020 si registra un +11% per un totale di 10 milioni di ascoltatori nel 2021. Lo dicono i trend di ascolto sugli audiolibri – come scrive su Ansa Mauretta Capuano –  fotografati dall’ultima ricerca NielsenIQ per Audible (maggio 2021). Ed emerge un nuovo dato interessante: per oltre il 40% degli italiani, gli audiolibri sono motivo di compagnia e conforto. Il 43% degli audiolettori li ritiene dei validi alleati contro la solitudine mentre il 40% li ascolta come antidoto all’insonnia. Aubible, la società Amazon tra i maggiori player nella produzione e distribuzione di audio entertainment di qualità (audiolibri, podcast e serie audio)  compie 5 anni e festeggia dunque il compleanno con un bel traguardo.

“Sono trascorsi 5 anni dall’arrivo del servizio di Audible in Italia e siamo davvero felici di constatare che tra le abitudini degli italiani, ogni anno di più, trovano accoglienza audiolibri, podcast e serie audio, i tre formati principali dell’audio parlato. Con Audible continuiamo a investire per rendere il nostro catalogo sempre più completo e interessante. L’arrivo di importanti autori in audio, come Alberto Angela, Roberto Saviano e il vincitore dell’ultimo Strega Sandro Veronesi ha contribuito a far avvicinare all’ascolto come forma di fruizione della cultura tantissime nuove persone, ma molto si deve anche alla bravura di voci e autori che hanno fatto la storia di Audible come Matteo Caccia o l’indimenticabile John Peter Sloan per i podcast, o ancora J.K. Rowling ed Elena Ferrante per gli audiolibri” spiega Francesco Bono, Content Director Audible.it.

Nelle classifiche Audible dei primi 5 anni in Italia, al primo posto per gli Audiolibri troviamo  Harry Potter e la pietra filosofale di J.K. Rowling. E della Rowling arriva oggi su Audible  Le fiabe di Beda il Bardo. Per i Podcast ‘Listen and learn’ con John Peter Sloan; per le Serie Audio, The Sandman – Neil Gaiman & Dirk Maggs; per  i Grandi Classici, Il conte di Montecristo; per Fantasy e Fantascienza, Harry Potter; per Gialli e Thriller ‘Io uccido’ di Giorgio Faletti, per la Storia, ‘Cleopatra, donna e regina’  di Alberto Angela; per la Scienza, Storie brutte sulla scienza di Barbascura X; per LGBT, ‘Febbre’ di Jonathan Bazzi e per Bambini, ‘Le cronache di Narnia’ di C.S. Lewis.

Immutati, nel passaggio dal 2020 al 2021, i piani alti della classifica dei generi più amati in Italia che vede gli intramontabili dello scaffale, i classici al  32%, seguiti dai thriller (28%) e dai libri fantasy e di science fiction (23%). Dalla ricerca emerge che la maggioranza degli ascoltatori di audiolibri (88%) ascolta e apprezza anche i podcast. Ma chi sono gli audiolettori in Italia? Per lo più Millennials, il 54% ha tra i 25 e i 34 anni, ed è fra loro che si conta anche la maggior parte dei cosiddetti ‘heavy users’ (7%), ovvero chi ascolta audiolibri tutti i giorni. Numerosi anche gli ascoltatori tra i 18 e i 24 anni, che insieme a quelli che hanno tra i 35 e i 44 anni, si attestano alla pari al 45%. L’ascolto di audiolibri cresce soprattutto nel Centro Italia (51%) e tra quanti utilizzano Internet per oltre 4 ore al giorno (52%).

Ed è la casa a confermarsi, anche nel 2021, il luogo preferito per l’ascolto di un audiolibro, con oltre il 78% degli italiani. Ma, complice il graduale ritorno a una vita di minore clausura, rispetto al 2020 e al periodo di lockdown, ritorna l’abitudine d’ascolto durante il commuting: crescono gli ascolti in macchina, al 20% rispetto al 14% del 2020, e sui mezzi pubblici, al 14% contro il 12% dell’anno scorso.

La modalità d’ascolto preferita è in solitaria, per l’83%,  anche se aumenta la percentuale di quanti condividono il piacere dell’ascolto con altre persone. E sono per lo più i figli (35%) a condividere la passione per l’ascolto. La durata media di una sessione di ascolto è di 25,4 minuti.

Rilassarsi è la prima ragione che spinge gli italiani a infilare le cuffie o attivare lo smart speaker e affidarsi alla trama di un audiolibro (46%). L’ascolto è un modo per imparare e ampliare i propri orizzonti per il 23% degli italiani, mentre il 31% afferma di affiancare l’ascolto alla lettura, in particolare quando non è possibile leggere (+4% rispetto al 2020).

Quasi il 50% degli italiani si dedica all’audio entertainment mentre è indaffarato in altre faccende. Campionesse di ascolti di Audible in Italia sono Roma, Milano e Torino,  dove si ascoltano più contenuti per bambini e audiolibri legati a tematiche LGBT.  Seguono Bologna e Brescia. 

La cosiddetta “geografia degli ascolti” cambia di poco per grandi classici, crime, fantasy e contenuti a tema storico. In quest’ultimo caso, Roma prende il posto di Milano mentre Torino si conferma la terza classificata. Sia a Roma sia a Milano il momento migliore per lasciarsi trasportare dalle voci Audible è la sera, in particolare il momento che precede il sonno.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione