Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Da oggi spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Dal 10 maggio Repubblica rivoluziona l’organizzazione del lavoro in redazione, dopo l’accordo per l’indennità ai deskisti (come racconta ‘Prima’ in edicola).

Maurizio Scanavino (foto BluCobalto) e Maurizio Molinari (foto Ansa)

In linea con il modello ‘digital first’ imposto dal direttore Molinari, Repubblica “elimina ciò che resta di una organizzazione del lavoro, fondamentalmente e storicamente tarata sui flssi produttivi della carta, che ancora ingessa, anche psicologicamente, alcune delle nostre routine quotidiane. E che ancora, indistintamente, continua a produrre , sia nei desk che nei colleghi con mansioni di scrittura, dispendio di risorse, ridondanze, tempi morti, burocratizzazione e pigri automatismi nella ideazione e produzione dei nostri contenuti”.
“Orizzonte capovolto”, si legge nell’ordine di servizio diramato dalla direzione del quotidiano Gedi, “che mette al centro della nostra produzione il fine e non il mezzo”.

In pratica scompaiono divisioni carta web, si seguono i contenuti, il quotidiano cartaceo chiuso alle 21.30, l’asse del coinvolgimento orario dei giornalisti spostato radicalmente la mattina, ore 8 (non senza malumori tra i capi). Della nuova organizzazione se ne è occupato il vide di Molinari, Carlo Bonini.

Per Molinari si tratta di “una esperienza da start up, una sorta di rinascita”. Un esperimento molto complesso da portare avanti che non sarà tutto rose e fiori.

L’ORDINE DI SERVIZIO

ORDINE DI SERVIZIO NUOVA ORGANIZZAZIONE_compressed

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tar del Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti. Rai ricorre al Consiglio di Stato. Ranucci: sentenza grave, non sveleremo mai le fonti

Tar del Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti. Rai ricorre al Consiglio di Stato. Ranucci: sentenza grave, non sveleremo mai le fonti

La Rai riformata secondo la Lega

La Rai riformata secondo la Lega

TOP INFLUENCER ITALIA, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. A maggio movimenti grazie ad Amici, Buffon e Turani. Ferragni gioca un altro campionato

TOP INFLUENCER ITALIA, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. A maggio movimenti grazie ad Amici, Buffon e Turani. Ferragni gioca un altro campionato