TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social in aprile. Scanzi domina come sempre la classifica, seguito da Tosa e Porro

Le polemiche per aver ricevuto il vaccino saltando la fila, costate ad Andrea Scanzi una sospensione (temporanea) da ‘CartaBianca’ e qualche mancato invito alle altre trasmissioni televisive a cui partecipa abitualmente, non hanno avuto grosse conseguenze sulla classifica dei giornalisti italiani più attivi sui social, stilata da Sensemakers per Primaonline sulla base delle rilevazioni di Shareablee. In aprile Scanzi resta saldamente in testa con 7 milioni di interazioni (like, commenti e condivisioni su Facebook, Instagram, Twitter e YouTube), più del doppio del secondo classificato, che anche questa volta è il direttore di nextQuotidiano, Lorenzo Tosa (2,9 milioni).

È pur vero però che la firma del Fatto Quotidiano dall’inizio dell’anno sta perdendo punti sui social, nonostante il suo frenetico attivismo e la sua capacità di essere sempre al centro dell’attenzione: da 9,2 milioni di interazioni in gennaio è sceso a 8,8 milioni in febbraio, a 7,1 in marzo e in aprile ha fatto un altro piccolo passo indietro, nonostante l’uscita in libreria del suo ultimo libro, ‘Demolition man’, dedicato a Matteo Renzi, che si è subito piazzato in testa alle classifiche di vendita: primo nella saggistica e quarto nella classifica assoluta nella settimana dal 5 all’11 aprile, secondo Gfk-Repubblica.

La pagina di Gofundme dedicata alla raccolta fondi, sostenuta da Scanzi, a favore del rider veronese sfregiato per aver difeso una ragazza.

Scanzi domina anche la classifica dei Best Performing Post (vedi la seconda tabella): sono suoi infatti nove dei dieci post che hanno totalizzato il maggior numero interazioni. Al primo posto, con 147mila commenti e condivisioni, la storia – ripresa da un post su Facebook di Leonardo Cecchi, social media manager del Partito Democratico – di Michele Dal Forno, rider veronese, sfregiato per aver difeso una ragazza da due teppisti che la infastidivano. Il giornalista ha dato ampio risalto alla raccolta di fondi promossa su Gofundme a favore del rider, che ha raggiunto in poche settimane i 100mila euro.
Molto commentata e condivisa (126mila interazioni) anche la toccante testimonianza dell’attore Marco Giallini che rievoca la morte della moglie avvenuta nel 2011. Il terzo post più performante (118mila interazioni) è dedicato a Maria Stella Gelmini, ministro per gli Affari Regionali, criticata per aver assunto nel suo staff Massimo Parisi, ex parlamentare di Forza Italia, condannato in primo grado per bancarotta fraudolenta.

BestPerformingPost_Giornalisti_APR2021

 

 

L’unico dei dieci Best Performing Post che non è stato scritto da Scanzi l’ha firmato Selvaggio Lucarelli. Per una volta la giornalista del Fatto Quotidiano e di TPI ha abbandonato la sua consueta verve polemica per commentare le immagini di una serata nelle vie di Londra, città che è “tornata a vivere, a sorridere, a respirare”, grazie alle vaccinazioni, dopo tanti mesi di emergenza per la pandemia. “Queste immagini di euforia e sollievo commuovono come una guarigione. Perché sono una guarigione. Arriveranno anche per noi”, scrive Lucarelli.

Tornando alla Top 15 dei giornalisti, dopo Lorenzo Tosa che, come abbiamo detto, si è confermato in seconda posizione, al terzo posto sale Nicola Porro, vicedirettore del Giornale, guadagnando quattro posizioni rispetto a marzo. Il direttore del Tg La7 Enrico Mentana, scende invece dal terzo al quarto posto.

Sempre numerosi i giornalisti sportivi in classifica: quinto è Gianluca Di Marzio, grande esperto di calciomercato, su cui ha scritto anche un libro, ‘Grand Hotel Calciomercato’; sesto Fabrizio Biasin, capo dello sport del quotidiano Libero; ottavo Alfredo Pedullà, collaboratore della Gazzetta dello Sport.

Il direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, è settimo; il giornalista e scrittore Roberto Saviano, passato recentemente da Repubblica al Corriere della Sera, nono; Saverio Tommasi, videoreporter di Fanpage, decimo.

Nelle ultime cinque posizioni troviamo altri nomi ricorrenti nella classifica di Sensemakers: il giornalista televisivo Salvo Sottile, già conduttore di ‘Mi manda RaiTre’; la già citata Selvaggia Lucarelli; Fabio Salamida, collaboratore dell’HuffPost e di altri giornali online; Angela Marino, che scrive per il Corriere del Mezzogiorno e Fanpage; Gabriele Parpiglia, firma del settimanale Chi e conduttore di ‘Seconda vita’ su Real Time.

Senza storia, infine, la classifica per video views: in testa c’è sempre Scanzi con 6,6 milioni di visualizzazioni su Facebook e YouTube, seguito da Porro con 2,6 milioni e da Saviano con 1,2 milioni.

cazzola@primaonline.it

 

NOTA METODOLOGICA_Classifica_Giornalisti

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione