Inpgi, Moles riceve il Comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti”: Essenziale l’appello al presidente della Repubblica

All’indomani della approvazione di un bilancio Inpgi che segna un rosso di oltre 240 milioni, il comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti” è stato ricevuto a Palazzo Chigi dal sottosegretario all’Editoria Giuseppe Moles. E a nome del comitato che ha raccolto le firme di oltre 2800 giornalisti in attività e in pensione inviate al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il portavoce Carlo Chianura ha rappresentato a Moles non solo le preoccupazioni per il futuro previdenziale della professione ma anche le proposte elaborate in questi mesi.

Subito dopo l’invio della lettera, il Quirinale aveva fatto pervenire al comitato il ringraziamento del presidente Mattarella ai firmatari e annunciato opportune valutazioni e iniziative per un approfondimento della situazione in atto.

Il risultato di questa mobilitazione – riferisce il comitato in una nota – è stato nelle scorse settimane l’interessamento di Palazzo Chigi, con cui lo stesso comitato è entrato in contatto nel mese di marzo e che ha mostrato attenzione per le iniziative e le proposte di “Salviamo la previdenza”. Contemporaneamente è stato richiesto l’intervento diretto dei ministeri del Lavoro e dell’Economia, vale a dire dei due vigilanti dell’Inpgi.

Giuseppe Moles (foto Fnsi)

Come riferisce Agi, il comitato si era rivolto anche alla Piattaforma per la difesa del giornalismo, organismo del Consiglio d’Europa, ottenendone l’attenzione e l’apprezzamento. Allo stato risulta che ci saranno iniziative concrete per affrontare con misure strutturali l’attuale drammatica situazione. Il 30 giugno prossimo scade il termine assegnato dal Parlamento all’Inpgi per trovare nuove entrate e tagliare costi, termine dopo il quale potrebbe scattare il commissariamento dell’ente. A tal proposito, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe stato convocato un Cda straordinario dell’Inpgi per il 12 maggio.

“Ringraziamo il sottosegretario Moles e il governo per la sensibilità mostrata – afferma Chianura – e riteniamo sia stato essenziale l’appello rivolto al presidente della Repubblica. Il ringraziamento si estende ai quasi tremila giornalisti firmatari della lettera, dai più ai meno celebri, tutti fondamentali per il successo di questa mobilitazione senza precedenti che vuole tutelare non solo i diritti ma anche una professione fondamentale per la democrazia”.

Il comitato “Salviamo la previdenza dei giornalisti”, la cui iniziativa è al di fuori delle parti, ricorda ai giornalisti in attività e in pensione che è ancora possibile aderire alla lettera-appello al presidente Mattarella inviando una semplice mail con nome e cognome a salviamoprevidenzagiornalisti@gmail.com.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone