WhatsApp, aggiornamento privacy il 15 maggio: l’app potrebbe bloccarsi in caso di mancata accettazione dei termini

Notizie e approfondimenti quotidiani sul digitale a cura di Reputation Manager, la società di riferimento in Italia per l’analisi, la gestione e la costruzione della reputazione online.

 

Allarme cybersecurity negli Usa. L’85% delle infrastrutture critiche del Paese è in mani private e disomogenee quando si tratta di cybersecutity. Dopo il caso dell’oleodotto, il Presidente ha previsto 14 miliardi, un aumento di 14 volte, per il budget Nist, l’ufficio del Dipartimento del Commercio dedito a innovazione e competitività. Per l’Fbi l’attacco alla rete dell’oleodotto che trasporta il 45% del fabbisogno dell’Est del Paese sarebbe opera del gruppo criminale DarkSide.

Guerre cibernetiche in crescita del 20%. I dati dell’intelligence italiana: tra il 2018 e la fine del 2020, il Computer Security Incident Response Team ha trattato oltre 25mila segnalazioni di attacchi. Di questi, oltre 3.500, sono stati classificati quali incidenti e in buona parte sono stati inviati al nucleo di sicurezza cibernetica. L’83% delle aggressioni ha riguardato sistemi di soggetti pubblici (10 punti percentuali in più rispetto al 2019). I cyberattacchi hanno interessato prevalentemente il settore bancario (11%, in aumento di 4 punti percentuali rispetto al 2019), quello farmaceutico/sanitario (7%, in crescita) e dei servizi IT (11%).

WhatsApp, aggiornamento privacy il 15 maggio. Sabato 15 maggio l’app di messaggistica avrà delle nuove condizioni di utilizzo che da inizio gennaio sono state diramate a tutti gli utenti per chiederne l’approvazione. La novità non era stata accolta senza polemiche e perplessità. L’ultima notizia arrivata direttamente dell’azienda, però, torna a far discutere. Nelle Faq del sito di WhatsApp, infatti, è apparsa una nuova specifica: l’app, si legge, potrebbe bloccarsi se non sono stati accettati i nuovi termini di utilizzo.

Assistenza psicologica gratuita online alle donne in difficoltà. Il 20% delle mamme è a rischio di sviluppare una depressione post­parto; 1,2 milioni di donne nel nostro Paese crescono da sole un figlio minorenne. Per questo Mama Chat, associazione no-profit, ha creato il primo sportello europeo di ascolto femminile interamente digital. L’accessibilità dei servizi offerti hanno fatto registrare nel 2021 +40% di utenti chat, con 500 casi gravi gestiti al mese e 2­3 casi di violenza al giorno.

Genitori in piazza chiedono Internet free per gli studenti. A La Paz, in Bolivia, centinaia di genitori sono scesi in piazza per chiedere al governo del presidente boliviano Luis Arce di fornire Internet e pc gratuiti per gli studenti, per consentire loro lezioni virtuali in questo momento di pandemia

Instagram rischia di abbandonare la piattaforma per i bambini. La National Association of Attorneys General ha invitato Facebook ad abbandonare i piani per una piattaforma Instagram incentrata sui bambini di età inferiore ai 13 anni. La lettera è firmata da 44 diversi procuratori generali a livello statale. Si legge: “Sembra che Facebook non stia rispondendo a un bisogno, ma piuttosto crearne uno, poiché questa piattaforma si rivolge principalmente ai bambini che altrimenti non avrebbero o non avrebbero un account Instagram”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Leggono più gli under 14 (77%) degli adulti (61%). AIE: il digitale utilizzato dal 31% dei lettori, cresce l’influenza di YouTube e social

Leggono più gli under 14 (77%) degli adulti (61%). AIE: il digitale utilizzato dal 31% dei lettori, cresce l’influenza di YouTube e social

Premiolino, svelati i nomi dei vincitori della 61° edizione. Premiazione il 13 settembre 2021 presso il Giardino della Triennale di Milano

Premiolino, svelati i nomi dei vincitori della 61° edizione. Premiazione il 13 settembre 2021 presso il Giardino della Triennale di Milano

L’appello della Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione

L’appello della Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione