Il Parlamento Ue studia nuove norme anti Slapp, le azioni legali “bavaglio”: Importante rafforzare libertà dei media

Più formazione per i giudici, regole chiare sulla competenza territoriale dei tribunali e sanzioni contro istituzioni e aziende che abusano delle azioni legali nei confronti dei giornalisti. Sono queste le raccomandazioni essenziali della relazione anti Slapp, acronimo inglese per le azioni legali bavaglio, in discussione alla commissione per le libertà civili del Parlamento europeo.

“Scopo delle Slapp non è vincere ma rendere la vita impossibile a chi le subisce, per questo è necessario trovare il modo di sanzionare aziende e istituzioni che abusano di questa pratica”, spiega la vicepresidente del Parlamento europeo e relatrice del testo anti Slapp Roberta Metsola (Ppe).

Il Parlamento Europeo (foto Olycom)

La bozza della testo, come riporta Ansa, dovrebbe essere presentata entro la fine di giugno ed essere sottoposta all’approvazione dell’assemblea plenaria in ottobre.

“La sfida più grande nel formulare la direttiva comunitaria sarà il negoziato con gli Stati membri, in particolare con quei Paesi che continuano a coprire le ingiustizie contro i giornalisti – continua Metsola –  è in questo passaggio che la nostra istituzione può davvero fare la differenza”.

Allo studio degli eurodeputati anche misure non legislative come la creazione di un fondo di assistenza europeo per sostenere le spese legali e la l’istituzione di un database per monitorare la diffusione dei casi di Slapp.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno