Vertenza del Gruppo Sae, l’Odg chiede intervento del sottosegretario Moles: Preoccupazione per i rischi di una restrizione della libertà

Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, riunito oggi in seduta plenaria con la partecipazione dei coordinatori dei presidenti regionali, ha ascoltato la testimonianza di un collega del Cdr del Tirreno, giornale di antiche tradizioni acquistato solo pochi mesi fa da Gruppo Sae  assieme alla Nuova Ferrara, alla Gazzetta di Reggio e alla Gazzetta di Modena.

Come si legge nel comunicato, il Cnog all’unanimità ha espresso piena, incondizionata vicinanza e solidarietà ai colleghi delle quattro testate, per le quali l’editore ha prospettato, senza possibilità di negoziato, un durissimo ricorso agli ammortizzatori sociali: cassa integrazione per 18 mesi a partire dal prossimo primo luglio, dopo aver decurtato del 30 per cento gli emolumenti dei fotografi e aver ridotto drasticamente il numero dei collaboratori. Un piano che porterà ad un impoverimento decisivo delle testata con il rischio concreto di una loro irrilevanza in un contesto dove oggi rappresentano una voce autorevole.

Carlo Verna

Pur nella consapevolezza che i rapporti tra redazioni e proprietà costituiscano materia sindacale, il Cnog esprime preoccupazione per i rischi di una restrizione della libertà di pensiero e della circolazione di idee in aree strategiche come la Toscana litoranea e in larghe zone dell’Emilia e Romagna. L’informazione professionale rappresenta un caposaldo della democrazia e gli editori, oltre ad assumersi il rischio d’impresa, devono accollarsi anche la responsabilità di attuare il dettato costituzionale.  Un obbligo che sembra drammaticamente latitante in molta parte  dell’informazione italiana, soprattutto in relazione alla carta stampata, che attraversa un allarmante periodo di crisi. Tanto che il Cnog auspica un intervento forte e attivo da parte del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega all’editoria Giuseppe Moles, dichiarando sin da ora che seguirà l’evolversi della situazione.

Il Cnog ribadisce dunque all’editore Sae che la professionalità dei giornalisti rappresenta il vero plusvalore delle sue testate, nient’affatto sostituibile con algoritmi né ulteriori intelligenze artificiali. E ricorda ai direttori che la loro appartenenza all’Ordine non è formale, ma vincolante al rispetto della carte deontologiche e che, dunque, ancor prima di essere direttori, sono giornalisti con l’obbligo, nella fattispecie, di rappresentare e difendere le legittime istanze dei colleghi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone