Il presidente della Fiorentina Commisso furioso contro i giornalisti: Troppe critiche eccessive e irrispettose. Fnsi: Da lui parole inaccettabili

Acceso confronto in diretta streaming fra il presidente della Fiorentina Rocco Commisso e il presidente dell’Assostampa Toscana Sandro Benucci, durante la conferenza stampa di oltre un’ora del patron viola che non parlava da mesi.

Al centro gli attacchi del magnate italo-americano verso i media fiorentini rei a suo dire di ”critiche eccessive, irrispettose, strumentali e inaccettabili”’ nei suoi confronti e di aver ”massacrato” la Fiorentina in questa stagione culminata, come l’anno scorso, con la salvezza raggiunta due giorni fa.

Rocco Commisso

Commisso però, come riporta Ansa, ha interrotto rapidamente il confronto con il presidente dell’Assostampa Toscana e ha ribadito quanto annunciato tempo fa in merito ai cartellini gialli e rossi per i giornalisti: ”Ci sarà gente che non potrà venire in Fiorentina o al Centro sportivo. I media hanno diritto di critica? E io ho diritto di proprietà” ha tagliato corto il patron viola.

Fnsi, inaccettabili parole di Commisso contro giornalisti – Federazione nazionale della Stampa italiana, Associazione Stampa Toscana, Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Toscana, Unione Stampa Sportiva Italiana e Ussi Toscana denunciano con forza “le intollerabili offese pronunciate dal presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, in una videoconferenza stampa che avrebbe dovuto fare il punto della situazione dopo la salvezza raggiunta in campionato e che invece si è trasformata in un allucinante processo a tutti i colleghi che hanno seguito la squadra”.

“Parole inaccettabili, quelle pronunciate da Commisso – prosegue la nota -, mai ascoltate in un incontro stampa e non giustificabili nemmeno con l’amarezza di una stagione difficilissima. Commisso ha parlato di giornalisti ruffiani e addirittura manipolati da presidenti di altri club, di giornalisti che fanno i soldi con la Fiorentina, di giornalisti che non raccontano mai il vero.

Inutile anche il tentativo di intervenire per chiedere a Commisso un approccio diverso, più sereno e confacente alla situazione nella quale si stava trovando, fatto dal presidente dell’Ast, Sandro Bennucci, al quale è stata tolta la parola dopo pochi secondi con una frase secca”.

“Un atteggiamento inqualificabile: solo nei regimi autoritari si verificano comportamenti del genere. In una prossima occasione, di fronte a simili epiteti, i colleghi sono invitati a uscire dalla video conferenza”.

Fnsi, Associazione Stampa Toscana, Ordine dei giornalisti della Toscana, Ussi nazionale e Ussi Toscana si rivolgono a Federcalcio e Lega di serie A perché approfondiscano, anche attraverso la Procura federale, quello che è accaduto stamani, 14 maggio 2021, durante la videoconferenza del presidente della Fiorentina.

Un appello è rivolto anche al prefetto di Firenze, Alessandra Guidi, perché intervenga nel caso in cui le parole di Commisso possano provocare atti irresponsabili nei confronti dei giornalisti. Gli organismi della categoria sono pronti a schierarsi al fianco di tutti quei colleghi che, chiamati in causa direttamente, abbiano intenzione di rivolgersi ai propri legali.

Verna (Fnsi) – “Quel che è accaduto a Firenze col Presidente Rocco Commisso contro i giornalisti che danno notizie  – commenta Carlo Verna, presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti – è un caso nazionale, che andrà sottoposto all’attenzione delle massime autorità del calcio e dello sport”.

“Ed è questa anche l’occasione – aggiunge Carlo Verna – per fare gli auguri a Giovanni Malagò riconfermato con consenso molto ampio alla guida del Coni. Ci sono dei profili pubblici che attengono al ruolo delle federazioni che fanno poi capo al Comitato Olimpico e nessuno può accettare che chi fa parte del movimento sportivo così organizzato violi in maniera palese principi sanciti dalla Carta Costituzionale”.  “Solidarietà e vicinanza – esprime il presidente dell’Ordine – ai colleghi e alle testate oggetto degli strali del presidente viola”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Ok Mediaset a sede legale in Olanda (ma tasse in Italia). Confalonieri: bene difesa UE da Ott; decisi verso polo pan-europeo

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone