La cura dimagrante di Hearst. Negli Usa taglio di dipendenti nel marketing e cessione di Marie Claire. In Uk chiuso Town and Country

Negli Usa taglio di dipendenti nel marketing, cessione a Future della testata Marie Claire Usa. In Uk chiuso Town and Country, e avviate sinergie con la casa madre americana

Debi Chirichella

Anche il gruppo americano Hearst sta rivedendo, come Condé Nast, le sue strategie editoriali dopo il forte calo della pubblicità e il cambiamento dei modelli di consumo causati dalla pandemia. Ripercussioni ci saranno anche sull’Italia, dove è previsto per settimana prossima un incontro tra l’azienda e i sindacati interni, cdr e rsa.

Intanto negli Usa hanno comunicato la disponibilità per garantire buone uscite per 600 dei 2.200 dipendenti dei servizi di sales e marketing. I tagli al momento non riguardano gli staff editoriali: “La divisione magazine è forte, ma la pandemia ha accelerato i trend nei comportamenti di consumo e di fruizione dei media per cui dobbiamo innovare le strutture di sales e marketing per rispondere meglio alle esigenze dei clienti pubblicitari e investire nelle aree in crescita”, ha precisato Debi Chirichella, president di Hearst Magazines.

Una mossa importante è stata resa nota martedi scorso quando è stato annunciato che la casa editrice britannica Future ha acquisito per cinque anni i diritti della joint venture tra Hearst Magazines e l’azienda francese Marie Claire Album che ha prodotto Marie Claire U.S. negli ultimi 27 anni, diventando l’editore della testata negli Usa.
Zillah Byng-Thorne, ceo di Future – che già pubblica Marie Claire UK – ha dichiarato, come riporta il sito Fashionista: “La nostra continua crescita e il nostro successo sono la prova di come funziona la nostra strategia. Abbiamo ottenuto risultati fantastici espandendo il marchio Marie Claire UK. E credo che con la nostra esperienza in termini di rapporto con il pubblico, e-commerce e piattaforma, potremo sviluppare l’offerta per far crescere in modo significativo anche il pubblico americano di Marie Claire”.

Novità anche per le strategie europee di Hearst, la cui filiale inglese, National Magazine Company, ha annunciato la chiusura di Town & Country e il taglio di circa il 20% dei suoi attuali 800 dipendenti. “I nostri staff dovranno lavorare in una collaborazione sempre più stretta con Hearst Us. Possiamo portare avanti importanti innovazioni in campo commerciale come l’aumento degli abbonamenti per le edizioni print e l’incremento delle entrate dal digitale e dall’e-commerce”, ha spiegato James Wildman, president di Hearst Magazines Europe e ceo in Uk. Una strategia che interesserà anche le altre editrici Hearst in Europa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Leggono più gli under 14 (77%) degli adulti (61%). AIE: il digitale utilizzato dal 31% dei lettori, cresce l’influenza di YouTube e social

Leggono più gli under 14 (77%) degli adulti (61%). AIE: il digitale utilizzato dal 31% dei lettori, cresce l’influenza di YouTube e social

Premiolino, svelati i nomi dei vincitori della 61° edizione. Premiazione il 13 settembre 2021 presso il Giardino della Triennale di Milano

Premiolino, svelati i nomi dei vincitori della 61° edizione. Premiazione il 13 settembre 2021 presso il Giardino della Triennale di Milano

L’appello della Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione

L’appello della Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione