Nuova veste grafica per tutte le edizioni locali del Gruppo editoriale Citynews: restyling tecnologico, di design e editoriale

Condividi

Dopo il restyling dell’edizione nazionale, Today.it, avvenuta lo scorso ottobre, il Gruppo Editoriale Citynews ha rilasciato oggi la nuova versione delle sue 50 edizioni di prossimità. Citynews si rinnova ancora una volta, confermando la propria filosofia e propensione ad una continua e costante innovazione. Il nuovo design e la profonda riorganizzazione della struttura editoriale hanno l’obiettivo di migliorare la qualità della propria informazione e l’esperienza dei 32 milioni di lettori che ogni mese si informano sui 53 quotidiani del Gruppo.

Krzysztof K. Wasielewski, CTO di Citynews

Tutte le edizioni del Gruppo si presentano da oggi con una organizzazione dei contenuti orientata ad un maggiore coinvolgimento dei lettori e con un progetto grafico che coniuga la modernità del web con lo stile classico della stampa e con un’architettura front-end completamente rivista in ottica performance mobile.

“Le innovazioni dal punto di vista editoriale saranno tante e tutte di grande impatto per i nostri lettori – dichiara Luca Lani, CEO del Gruppo Editoriale Citynews –. Verrà dato maggiore spazio a commenti ed opinioni di esperti, agli approfondimenti e alle inchieste giornalistiche sugli avvenimenti di attualità più importanti, con una netta divisione tra news e opinioni, al fine di agevolare i lettori nella comprensione degli avvenimenti, che sono ora raggruppati e suddivisi in categorie ben definite”.

“Siamo da sempre molto attenti al design, all’architettura tecnologica dei nostri prodotti editoriali – continua Lani – e a migliorare costantemente l’esperienza dei nostri lettori. Questa nostra cura è testimoniata e premiata dai dati certificati Comscore che attestano da molti mesi la nostra eccellenza, nel segmento News & Information, anche nel ranking basato sul tempo speso dai lettori sulle nostre edizioni. Mi riferisco ai dati sui minuti totali e sui minuti medi per lettore che ci vedono primeggiare ogni mese sui nostri diretti competitor. Sicuramente la fruizione a sfoglio, come un quotidiano cartaceo, che abbiamo introdotto oltre un anno fa nelle nostre App e versioni mobile, ha contribuito in maniera significativa al maggiore coinvolgimento dei lettori e al tempo speso in pagina.

Siamo convinti che il restyling lanciato oggi farà crescere ulteriormente queste cifre portando ottimi risultati in termini di qualità percepita da parte dei nostri lettori, con una conseguente crescita della fidelizzazione”.

“Se guardiamo l’aspetto tecnologico, nella nostra nuova release sono state implementate le più recenti soluzioni frontend che consentono un rendering estremamente veloce e fluido di tutte le pagine – afferma Krzysztof K. Wasielewski, CTO di Citynews –. Da un lato, l’utente vede le pagine visualizzarsi in un batter d’occhio, e dall’altro, acquisiamo un grande vantaggio in termini di indicizzazione SEO in quanto i motori di ricerca tenderanno a privilegiarci sulla Serp, posizionando le nostre pagine più in alto rispetto ai competitor. In questo senso, abbiamo raggiunto uno score di qualità/velocità massimo, sia sulla versione mobile che desktop/tablet. Un risultato che, fino a poco tempo fa, si poteva ottenere solo con le pagine AMP.

Infine, il nuovo layout è completamente responsive, ovvero fatto con un unico codice HTML, sia per la versione mobile che per quelle desktop e tablet”. Tra le tecnologie CSS usate, il CSS Grid, ma anche il CSS Scroll Snap; per l’home-page. “È stato ridotto quasi all’osso l’uso di JavaScript per tutte le animazioni ed effetti grafici: questo ha effetto sulla fluidità del sito, del consumo di batteria e consente di usare nativamente le funzioni del browser e sfruttare tutto il potenziale hardware del dispositivo utilizzato per leggere le news” – conclude Wasielewski.

Tra le novità è stato introdotto anche il "dark mode" che consente, oltre ad una lettura più rilassante, di risparmiare parecchia batteria sugli schermi OLED dei più recenti smartphone/tablet.