Tiscali nel 2020 perde 22 milioni, ricavi +1% mentre l’ebitda sale a 29 milioni. Il portafogli clienti cresce del 4,7%

Tiscali ha approvato il bilancio 2020 che si chiude con una perdita netta del Gruppo pari a 22,2 milioni di euro, rispetto al dato del 2019 pari ad un rosso di 16,5 milioni. Il peggioramento di periodo, pari a 5,7 milioni, deriva dall’effetto di “un miglioramento del risultato netto, al netto delle poste non ricorrenti, pari a 14,2 milioni e un minor impatto positivo delle poste non ricorrenti nell’esercizio 2020 per 19,9 milioni di  (per la presenza di poste non ricorrenti1 con impatto sul risultato netto nel 2020 pari a positivi 4,6 milioni, rispetto a positivi 24,5 milioni nel 2019)”, spiega una nota della società.

Renato Soru, presidente e ad di Tiscali (foto Olycom)

Come riferisce Ansa, i ricavi di Tiscali nel 2020 si sono attestati a 144 milioni di euro, in aumento dell’ 1% rispetto al 2019. Il gruppo ha fatto registrare un incremento ricavi Accesso Broadband per 1,5 milioni (1,4%) rispetto al 2019; il numero dei clienti in Fibra è aumentato in misura significativa nel 2020, passando da circa 164  mila unità al 31 dicembre 2019 a circa 223 mila unità al 31 dicembre 2020; Incremento ricavi Mobile per 2,5 milioni  (+19,2%) rispetto al 2019. Il portafoglio clienti registra una crescita del 4,7% rispetto al 2019, passando da circa 245 mila unità al 31 dicembre 2019 a circa 256 mila unità al 31 dicembre 2020. In termini di numero medio/mese nel periodo l’incremento dei clienti è pari al 13% (i clienti medi del 2020 sono circa 250 mila contro circa 221 mila clienti medi nel 2019).

Il risultato operativo lordo (Ebitda) dell’esercizio è pari a 29,1 milioni rispetto ai 25,6 milioni del 2019. Il board ha nominato il nuovo consigliere Paolo Fundarò.

Tiscali punta sulla fibra e vede utile nel 2023 – Tiscali punta sulla Fibra e vede il ritorno dell’utile nel 2023. Sono alcuni dei punti cardine del nuovo piano 2021-2023, approvato dal consiglio di amministrazione della società.

Nel nuovo piano la società prevede anche una prosecuzione nelle azioni di contenimento dei costi operativi e miglioramento della marginalità dei servizi. Tiscali intende effettuare l’implementazione degli accordi di fornitura con gli operatori wholesale, per quanto riguarda in particolare la razionalizzazione dell’infrastruttura di rete, con conseguente ottenimento, nell’arco del Piano, dei seguenti benefici: Incremento sostanziale del bacino di utenti raggiungibili direttamente in fibra; Riduzione dei costi fissi e dei costi di gestione del traffico;  Riduzione degli investimenti di rete; Accelerazione del processo di migrazione in fibra e conseguente miglioramento della qualità del servizio e del “churn rate”; Focalizzazione e maggiori investimenti a supporto del servizio al cliente e sulla innovazione e offerta di servizi e prodotti digitali ad alto valore aggiunto; Implementazione di un piano straordinario di rafforzamento finanziario nel medio periodo.

Nell’ambito del Piano Industriale 2021 – 2023 Tiscali ha definito un piano di finanziamento straordinario da realizzare nell’arco del Piano, per far fronte alle esigenze di liquidità a breve e medio termine della Società.

Il Consiglio di amministrazione di Tiscali ha approvato un accordo con l’investitore professionale Nice & Green S.A. per l’emissione di un prestito obbligazionario convertibile e convertendo in azioni ordinarie Tiscali, da esercitarsi in più tranche, fino a massimi 21 milioni, con opzione in capo alla società di estensione per ulteriori 21 milioni, riservato Nice & Green S.A..

Il prestito obbligazionario consentirà alla Società di reperire, con la flessibilità tipica di tale strumento, risorse da destinare al soddisfacimento delle esigenze di liquidità della Società necessarie a dare attuazione al proprio piano industriale, nell’orizzonte  temporale contemplato dal prestito. Nell’operazione Tiscali si è avvalsa, per i profili finanziari, della consulenza di CC&Soci S.r.l. e, per i profili legali, dell’assistenza di Chiomenti mentre Nice&Green è stata assistita da Nctm.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno