L’Archivio Arcivescovile di Bologna digitalizza tutto L’Avvenire d’Italia: online la collezione dei quotidiani

L’Avvenire d’Italia, importante quotidiano cattolico di inizio Novecento, fondato nel 1896 da Giovanni Acquaderni e chiuso nel 1968, due giorni dopo il primo numero di ‘Avvenire’, è tutto digitalizzato. L’operazione è stata conclusa dall’Archivio Arcivescovile di Bologna, grazie a un finanziamento della Cei e ai fondi dell’8 per mille: la collezione completa dei quotidiani è consultabile online (https://avvenireitalia.archivio-arcivescovile-bo.it/).

Il giornale, come ricorda un articolo di Bologna Sette, settimanale della diocesi bolognese, nacque nelle ex Legazioni di Romagna all’interno del vasto e complesso movimento cattolico, che trovava espressione nell’Opera dei Congressi. I due promotori furono il bolognese Acquaderni (1839-1922) e il ferrarese Giovanni Grosoli Pironi (1859-1937). A spingere per il quotidiano fu l’arcivescovo di Bologna, cardinal Domenico Svampa e il primo direttore, nel 1896, fu il marchese Filippo Crispolti, già redattore capo dell’Osservatore romano. Nel 1902, con il passaggio di testimone da Crispolti a Rocca d’Adria, pseudonimo di Ceseare Algranati, ci fu il cambiamento della testata da ‘Avvenire’ a ‘Avvenire d’Italia’ e il giornale trovò una maggiore unità di indirizzo e una risonanza di respiro nazionale. Nei primi anni del Novecento prese in redazione alcuni esponenti dei ‘democratici cristiani’ di don Romolo Murri, mentre durante il fascismo, direttore Raimondo Manzini, sopravvisse grazie a una linea di ‘depoliticizzazione’ e in quegli anni collaborò all’amministrazione del quotidiano e alla redazione di diversi articoli anche il beato Odoardo Focherini.

Come riporta Ansa, nel 1961 assunse la direzione Raniero La Valle, che diede al giornale un’impronta progressista e pacifista, durante gli anni del Concilio Vaticano II seguito accuratamente dal quotidiano bolognese. Fu chiuso il 2 dicembre 1968 quando ci fu la fusione con ‘L’Italia’ di Milano, da cui nacque ‘L’Avvenire’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Leggono più gli under 14 (77%) degli adulti (61%). AIE: il digitale utilizzato dal 31% dei lettori, cresce l’influenza di YouTube e social

Leggono più gli under 14 (77%) degli adulti (61%). AIE: il digitale utilizzato dal 31% dei lettori, cresce l’influenza di YouTube e social

Premiolino, svelati i nomi dei vincitori della 61° edizione. Premiazione il 13 settembre 2021 presso il Giardino della Triennale di Milano

Premiolino, svelati i nomi dei vincitori della 61° edizione. Premiazione il 13 settembre 2021 presso il Giardino della Triennale di Milano

Il papà del web Tim Berners-Lee mette all’asta il codice sorgente originale di internet. La vendita da Sotheby’s

Il papà del web Tim Berners-Lee mette all’asta il codice sorgente originale di internet. La vendita da Sotheby’s