Continua la crescita di Telegram e Signal, app alternative a WhatsApp (che dal 15 maggio vara la nuova informativa privacy)

Nei primi quattro mesi del 2021, le installazioni di Telegram sono aumentate del 98% su base annua e i download di Signal sono aumentati dell’1,192% su base annua. Sono i dati della società Sensor Tower, a distanza di pochi giorni dall’entrata in vigore delle nuove regole sulla privacy di WhatsApp, annunciate per l’8 febbraio scorso e poi posticipate al 15 maggio.

(AP Photo/Andre Penner, file)

Come riferisce Ansa, Telegram, l’applicazione di Pavel Durov, principale concorrente di WhatsApp, durante il primo mese dell’anno ha registrato ben 64 milioni di download  (+238% rispetto al 2020), mentre Signal, chat raccomandata anche da Edward Snowden (l’ex informatico della Cia che con le sue rivelazioni ha dato il via al Datagate) 51 milioni i download (+5.001% rispetto al 2020).

Nei mesi successivi, però, entrambe le azienda hanno visto ridimensionare il numero di download, arrivando ai livelli del 2020; solo Signal continua a registrare una importante crescita.

Nonostante l’impennata di entrambe le piattaforme WhatsApp,  sempre secondo Sensor Tower, continua ad essere l’applicazione di messaggistica istantanea più popolare al mondo anche se, osservano gli analisti, la situazione è in evoluzione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione