Usa, il governo Trump acquisì e-mail e dati dei telefoni di una reporter della Cnn. L’emittente: Violato il primo emendamento

L’amministrazione Trump chiese ed ottenne segretamente dal primo giugno al 21 luglio del 2017 le email e i dati dei telefoni personali e di lavoro di Barbara Starr, la corrispondente della Cnn per il Pentagono. Lo rivela la stessa emittente di Atlanta, dopo che la giornalista ha ricevuto una notifica dal ministero della giustizia, che non ha precisato il motivo della mossa ma ha assicurato che la reporter non è mai stata obiettivo di indagine.

Donald Trump
(Foto Ansa – EPA/Stefani Reynolds / POOL)

Si tratta della terza rivelazione del genere riguardante la presidenza Trump, dopo quelle che hanno interessato giornalisti del Washington Post, del New York Post, di Politico e di Buzzfeed, tutti autori di articoli sul Russiagate.

Il presidente della Cnn Jeff Zucker ha “condannato fortemente” l’episodio, denunciando una violazione del primo emendamento della costituzione e chiedendo un incontro immediato con il dipartimento di giustizia per una spiegazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti