Insulti via social a Son, attaccante sudcoreano del Tottenham: 8 arresti. Sono accusati di alimentare l’odio razziale

Otto uomini, sospettati di aver pubblicato tweet dai contenuti razzisti sull’attaccante coreano del Tottenham Heung-min Son, sono stati fermati dalla polizia britannica. Come riposta Ansa, altre quattro persone, tutte residenti in Inghilterra e Galles, sono state interrogate oggi, nell’ambito di un’inchiesta iniziata all’indomani della sconfitta degli Spurs contro il Manchester United, lo scorso 11 aprile. E’ stato un portavoce della Metropolitan a confermare gli ultimi sviluppi delle indagini: “Le persone fermate o interrogare sono tutte sospettate di aver usato parole o comportamenti, o diffuso materiale scritto, con l’intento di alimentare l’odio razziale”.

Son Heung-min (Peter Powell/Pool via AP)

Gli abusi online ai danni di Son erano stati inizialmente rilevati da un software usato dallo stesso Manchester United per monitorare i messaggi che appaiono sui social network, inerenti lo stesso club. Da qui la segnalazione alla polizia che è riuscita a risalire all’identità che si nascondeva dietro agli anonimi account incriminati. “Questa azione investigativa è la dimostrazione che la polizia non tollererà il teppismo, anche se commesso online – ha dichiarato il commissario Matt Simpson -. I messaggi, pubblicati su Twitter, erano insopportabilmente volgari e del tutto inaccettabili”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Confermati i vertici Mediaset: Confalonieri presidente, Pier Silvio Berlusconi vice presidente e amministratore delegato

Confermati i vertici Mediaset: Confalonieri presidente, Pier Silvio Berlusconi vice presidente e amministratore delegato

Sky allarga il bouquet. Ecco i tratti e titoli chiave di Sky Serie, Sky Investigation, Sky Documentaries e Sky Nature

Sky allarga il bouquet. Ecco i tratti e titoli chiave di Sky Serie, Sky Investigation, Sky Documentaries e Sky Nature

Google proroga  lo stop ai cookie di terze parti alla fine del 2023

Google proroga lo stop ai cookie di terze parti alla fine del 2023