Borioni (Rai): Della querela a Fedez sono stati informati prima i politici poi i consiglieri. Rimango enormemente perplessa

“Apprendo da una dichiarazione del Capogruppo della Lega in Vigilanza che Rai ha querelato Fedez. A prescindere dal merito legale della questione (che comunque mi lascia enormemente perplessa) ma a qualcuno sembra normale che certe notizie vengano comunicate ai politici prima che ai consiglieri di amministrazione?” Lo ha scritto su Facebook la consigliera d’amministrazione della Rai Rita Borioni.

Rita Borioni (Foto ANSA)

Paxia: Adesso è il caso di ascoltare Fedez in Vigilanza – “Come membro della Vigilanza, non posso che seguire da vicino questa vicenda ancora tutta da chiarire che, a prescindere da come si concluderà in sede giudiziaria, rappresenta un capitolo da dimenticare per la Rai”. Lo afferma, in una nota la deputata siciliana Maria Laura Paxia (Misto) sulla querela annunciata dalla Rai nei confronti di Fedez per il concerto del 1 maggio. “Dai filmati mostrati – aggiunge Paxia – si poteva evincere una sorta censura preventiva ai suoi danni, per il suo intervento sul palco a favore del Ddl Zan. Adesso – osserva la parlamentare – adesso sarebbe il caso di sentire anche la versione dei fatti dell’artista, convocandolo in Vigilanza Rai, come del resto lo stesso Fedez ha chiesto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. Anche a maggio il podio è tutto per Sky Sport, Cronache di spogliatoio e Fanpage

TOP MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL, BEST PERFORMING e TOP PAID POST. Anche a maggio il podio è tutto per Sky Sport, Cronache di spogliatoio e Fanpage

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech