Insulti su Fb al giornalista di Repubblica Salvo Palazzolo, solidarietà Assostampa Sicilia e Fnsi. Attacchi da cantante neomelodico palermitano

“E’ grave che ancora oggi chi scrive di mafia debba subire attacchi e minacce che ormai viaggiano sui social ad una velocità e una pericolosità allarmanti”. Lo sostiene la segreteria regionale dell’Assostampa Siciliana che interviene dopo gli insulti postati su Fb rivolti al giornalista de ‘la Repubblica’ Salvo Palazzolo.

Il cronista palermitano è stato bersaglio di messaggi  da parte del cantante neomelodico palermitano Daniele De Martino: “Giornalisti siete senza scrupoli, siete senza ritegno, siete marci dentro… in particolare questo giornalista Salvo Palazzolo, vergognati di tutto quello che stai scrivendo”. “Gli articoli firmati da Palazzolo,   sui neomelodici e la mafia,  evidentemente non sono piaciuti a De Martino – dice l’Assostampa – che questa mattina ha scritto un post su Facebook dai toni pesanti.

Salvo Palazzolo (Foto Alberto Lo Bianco /LaPresse)

Come riporta Ansa, nei giorni scorsi, De Martino ha lanciato una canzone contro i pentiti, sembra rivolgersi a uno in particolare, il finale del brano contiene una minaccia: “Sei un infame… pure fra 100 anni ti posso trovare”. Il neomelodico ha pure pubblicato dei selfie con i boss scarcerati Francolino e Nino Spadaro, i figli di don Masino, uno dei mafiosi più autorevoli di Cosa nostra. Nel suo post De Martino rivendica la parentela con i padrini: “Le persone che state mettendo in prima pagina con me mi appartengono, perché state parlando della mia famiglia, no di gente estranea”. Non dice invece nulla sul pentito che prende di mira nella sua canzone”. Proprio i fratelli Spadaro hanno avuto diversi guai giudiziari a causa di un collaboratore di giustizia, l’ex marito della sorella, Pasquale Di Filippo.  “A Salvo Palazzolo, attento e scrupoloso, tra i cronisti siciliani più apprezzati anche a livello nazionale, va la solidarietà dell’Assostampa Siciliana”, scrive in una nota il segretario regionale Roberto Ginex che sollecita interventi oltre che a tutela del collega, a favore di tutti i cronisti che sono impegnati ogni giorno sul fondamentale fronte della informazione antimafia e che hanno bisogno oltre che della vicinanza anche del sostegno delle forze sociali che operano sul territorio. “E’indipensabile – sostiene Assostampa Sicilia – che in questa trincea siano importanti tutti coloro che hanno come obiettivo il bene comune contro la violenza anche solo verbale che trova alimento nel far west dei social”.

Fnsi solidale – “Ancora una volta Salvo Palazzolo viene preso di mira per il suo lavoro. Al cantante Daniele De Martino non sono piaciuti i suoi articoli sui neomelodici e i boss, pubblicati su Repubblica Palermo, e sui social si lascia andare a insulti contro i giornalisti ‘senza scrupoli’, ‘senza ritegno’, ‘marci dentro’ e contro Palazzolo in particolare che dovrebbe, a suo dire, vergognarsi. E di cosa? Di aver fatto il suo lavoro al servizio dei cittadini e del loro diritto di conoscere?”. A sottolinearlo, in una nota, è la Federazione nazionale della stampa italiana che “ritiene, invece, che Salvo Palazzolo debba continuare a indagare e informare e a farlo con la puntualità e il rigore che ha sempre dimostrato. Il sindacato dei giornalisti – si legge in una nota – è al suo fianco, pronto a sostenere ogni iniziativa che deciderà di intraprendere”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno