Franceschini mette sul piatto altri 3 milioni di euro per promuovere il cinema italiano all’estero

“Il settore del cinema e dell’audiovisivo è la principale industria creativa del Paese. Con l’insorgere della pandemia il governo ha sostenuto l’intera filiera: dalla produzione alle sale cinematografiche fino alle imprese di distribuzione. E si prosegue con questo provvedimento che mira a sostenere le imprese di distribuzione cinematografica
e audiovisiva che promuovono il cinema italiano all’estero”. Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini, che ha firmato un decreto che stanzia ulteriori 3 milioni del Fondo emergenza cinema e audiovisivo per la distribuzione del cinema italiano nel mondo.

Dario Franceschini (AP Photo/Alessandra Tarantino)

Nello specifico – spiega una nota del ministero – potranno presentare domanda di contributo le imprese cinematografiche e audiovisive che hanno realizzato nel biennio 2019/2020 ricavi derivanti dalla distribuzione internazionale di film italiani, a patto che i ricavi del 2020 siano stati inferiori almeno del 10% rispetto a quelli realizzati nell’anno precedente e che abbiano partecipato nel biennio 2019/2020 ad almeno 6 tra i 17 mercati internazionali citati nel decreto.
Il decreto è stato notificato agli organi di controllo e sarà disponibile a registrazione avvenuta sul sito del ministero della Cultura.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno