30 maggio Vince Liskova in replica su Bonolis e Fazio. Bene lo Zecchino d’oro

Poco calcio, con il Motomondiale (reso tragico dalla morte del pilota di Moto3, Jason Dupasquier) e l’ultima tappa del Giro d’Italia (2,247 milioni e 18,11% per l’arrivo della cronometro a Milano) al centro dell’attenzione degli sportivi nel pomeriggio, domenica 30 maggio.

Il menù del day time aveva in agenda per le famiglie oltre ai contenitori anche lo ‘Zecchino d’Oro’ (a 2,381 milioni e 18%, ha vinto Anita Di Bartolomei).

In prime time, la griglia generalista proponeva su Rai1 la replica del film tv ‘Basta un paio di baffi’. Su Canale5 era all’ultima puntata Paolo Bonolis con la versione da prima serata di ‘Avanti un altro’. Le ammiraglie si confrontavano poi con i due talk live: ‘Che tempo che fa’ all’ultima puntata ospitava il ministro della Salute Roberto Speranza, mentre a ‘Non è L’arena’ Massimo Giletti cominciava con una lunga chiacchierata con Enrico Mentana. I telefilm su Rai2 ed i film di Rete4 (‘American Sniper’) e Italia 1 (‘Batlleship’) completavano la griglia. La classifica delle varie trasmissioni generaliste in prima serata in ordine di ascolti è stata la seguente.

 

Vince la replica di ‘Basta un paio di baffi’ davanti a ‘Avanti un altro pure di sera’. ‘Che tempo che fa’ sul podio

Su Rai1 la fiction in replica ‘Basta un paio di baffi’ in versione film tv, con Antonia Liskova e Stefano Assisi protagonisti, ha riscosso 3,091 milioni di spettatori con il 15,1% di share.

Su Canale 5 la nuova puntata di ‘Avanti un altro pure di sera’, con Paolo Bonolis alla conduzione, ha proposto il confronto Concorsi vs Web. La trasmissione ha portato a casa 2,552 milioni di spettatori e 12,7% di share, in buona crescita (2,427 milioni di spettatori e 11,1% di share sette giorni prima).

Su Rai3 ‘Che tempo che fa’ con Fazio Fazio, Luciana Littizzetto, Roberto Saviano in organico, e tra gli ospiti, nell’arco di tutta la serata, Roberto Speranza, Gianluca Vialli e Roberto Mancini, Nicola Piovani, Benedetta Pilato, Giusy Ferreri e Takagi & Ketra, Ana Maria Vitelaru e Diego Gastaldi, Roberto Burioni e Massimo Giannini, ha raccolto 2,457 milioni di spettatori ed il 10,9% (2,651 milioni di spettatori e 10,8% sette giorni prima). E quindi col tavolo il programma ha avuto 1,723 milioni e 8,9% (1,741 milioni e 8,3% di share sette giorni prima). L’anteprima – alle 20.00 – ha avuto 1,430 milioni e il 7,3% (1,374 milioni ed il 6,6% sette giorni prima).

Su La7 ‘Non è l’Arena’ con in primo piano la violenza sulle donne ed il caso Di Fazio, ha parlato pure della tragedia di Stresa, di Grillo Gate, reddito di cittadinanza e navigator, criminalità a Roma, schierando tra gli ospiti Enrico Mentana, Nello Trocchia, Paolo Crepet, Nunzia De Girolamo, Luca Telese, Alessandro Sallusti, Stefania Andreoli, Piper Cusmano, Annalisa Cereghino, Luciano Capone, Leopoldo Mastelloni, Guido Crosetto, Peter Gomez e Antonio Lenzi. Il programma condotto da Massimo Giletti ha avuto nella presentazione 1 milione di spettatori ed il 4,7%, nella prima parte 1,262 milioni di spettatori ed il 5,6% e poi 899mila spettatori e 7,5% nella seconda parte (sette giorni prima aveva avuto nella presentazione 987mila spettatori ed il 4,2%, nella prima parte 1,350 milioni di spettatori ed il 5,6% e poi 902mila spettatori e 7% nella seconda parte).

Su Italia1 la pellicola fantastica ‘Battleship’, con Taylor Kitsch e Alexander Skarsgård tra i protagonisti, ha avuto 1,145 milioni di spettatori con il 5,8% di share.

Su Rai2 per il telefilm ‘The Rookie’, 1,148 milioni e 5% di share e per ‘Bull’ 713mila spettatori e 3,8% di share.

Su Rete4 la pellicola cult ‘American Sniper’ con Bradley Cooper e Sienna Miller, ha attratto solo 946mila spettatori con il 5,1% di share.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno