Sui social troppe fake sui cambiamenti clima, lo dice uno studio Usa Advance Democracy/Usa Today: Centinaia di migliaia i post di negazionisti

I grandi social media non fanno abbastanza sforzi per limitare la disinformazione riguardo ai cambiamenti climatici, con centinaia di migliaia di post negazionisti che vengono condivisi senza alcun richiamo a informazioni corrette. Lo afferma l’agenzia no profit Usa Advance Democracy, sulla base di un rapporto condiviso in esclusiva con Usa Today.

Su Twitter nel 2020, si legge, ci sono stati quasi mezzo milioni di post negazionisti sul clima, mentre quest’anno solo in occasione di un blackout in Texas a febbraio e del summit sul clima del presidente Biden i tweet negativi censiti sono stati più di 83mila. Un singolo video negazionista su YouTube, che propagandava la fake news che il Grande Minimo solare, un periodo con un minimo di macchie solari sulla superficie, porterà a una ‘mini era glaciale’, era stato visto 4,3 milioni di volte. Su TikTok un video sullo stesso tema è stato visto 150mila volte. “La nostra ricerca – conclude Daniel Jones, presidente dell’associazione – afferma che la diffusione della disinformazione sul clima è prolifica sui social media, e potrebbe avere benefici da interventi delle piattaforme  che portino gli utenti a informazioni più accurate”.

Foto LaPresse – Andrea Campanelli

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno