Sarmi (Asstel): competenza e innovazione parole chiave nelle tlc; mercato globale ma Italia è capace di costruire un servizio e integrare sistemi

Condividi

Nel settore delle tlc ”le parole chiave sono competenze e innovazione. L’innovazione è naturalmente lo scopo primo per raggiungere il quale evidentemente occorre far leva sulle competenze”. Lo afferma il presidente di Asstel, Massimo Sarmi, intervenendo al webinar di Asstel-Assotelecomunicazioni e Luiss business school su ‘Le sfide delle Tlc: per L’Italia del futuro – Dalla formazione dei giovani al Fondo bilaterale di settore’. ”Più che in altri settori, in cui l’elemento delle macchine è importante e abilitante nel successo delle imprese, nelle telecomunicazioni, sicuramente in quelle nazionali, a mio avviso è la competenza che fa il livello di differenza”, spiega.

Massimo Sarmi

”Noi sappiamo che le tecnologie ormai sono appannaggio di un mercato globale, non prodotte in misura significativa ne ‘ in Europa ne’ in Italia”, ammette il presidente. ”E quindi il differenziale che ha portato a suo tempo le tlc italiane nel mondo è stata la capacità di costruire un servizio, di integrare sistemi complessi”.

Sarmi auspica che ”con i provvedimenti che sono stati messi in atto a livello europeo, e quindi in prospettiva immediata a livello nazionale” il settore delle telecomunicazioni ”possa trovare una nuova fase di crescita”. ”Abbiamo tutti davanti a noi, nell’immediato futuro, delle prospettive: abbiamo visto come nel Pnrr si sia compreso tutto ciò e si siano destinate cospicue risorse al settore” di cui ”ci siamo resi conto ancora una volta dell’importanza in questo tristissimo periodo di pandemia”.