Una nuova campagna massiva multimezzo firmata Acea Energia

Condividi

Una nuova campagna massiva multimezzo firmata Acea Energia. È quella che parte l’8 giugno e proseguirà fino a fine agosto per promuovere l’offerta 100% green dell’azienda che riguarda quindi sia l’energia elettrica derivata solo da fonti rinnovabili, sia il gas con un CO2 a impatto zero sull’ambiente.

Tiziana Flaviani

La campagna, messa a punto dall’agenzia DLVBBDO, ha un forte orientamento digital (30.000 impression) oltre a prevedere una forte pianificazione televisiva, su Sky e Mediaset, testate nazionali, 2000 affissioni soprattutto su Roma e provincia e spot radio. Testimonial delle stories che raccontano avventure sostenibili gli attori Frank Matano ed Emanuela Fanelli. “Luce e gas 100% Eco. Più luce, più gas, più te” il claim della campagna. “Abbiamo lavorato a una nuova immagine e a un nuovo linguaggio, più semplice e diretto”, ha spiegato Tiziana Flaviani, responsabile comunicazione Acea, “la pianificazione è stata interna, scelta che ci ha permesso un abbattimento dei costi di circa il 30%”. “È stato un investimento sostenibile per una campagna multimedia, soprattutto digital, che ci ha portato ad avere un costo contatto di circa 8 centesimi”, ha aggiunto Valerio Marra, presidente Acea Energia. I quattro spot presentati in anteprima riguardano sia l’offerta del Gruppo sia il concorso a premi predisposto per i nuovi clienti – fino al 31 luglio – con in palio una Fiat 500 Cabrio elettrica, sia la campagna fedeltà rivolta agli utenti.
“Ho trovato una grande elasticità tra la necessità del gruppo di essere istituzionali e la mia e quella di Emanuela (Fanelli, ndr) di dare spazio al nostro lato comico”, ha dichiarato Frank Matano.
“Il nostro piano strategico è interamente concentrato sulla sostenibilità”, ha detto Giuseppe Gola, amministratore delegato Gruppo Acea, “La pandemia ha rappresentato un forte acceleratore su due aspetti: quello della digitalizzazione e quello della sostenibilità che non è più solo uno slogan ma uno stile di vita, l’unico possibile per le aziende nel prossimo futuro”.