Brunetta: la comunicazione è cruciale per raccontare il cambiamento in atto

Condividi

“Sono pronto a spiegare tutta la mia azione di Governo e poi, attraverso voi, divulgarla. Occorre un’informazione capillare: ognuno dei provvedimenti che abbiamo approvato per riformare la Pubblica amministrazione deve essere spiegato, compreso, implementato: deve diventare cultura del Paese”. Lo ha affermato il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, intervenendo in videocollegamento al Pa Social D.

Brunetta (Foto Lapresse)

“Siamo pronti a offrire occasioni di lavoro qualificate, premiando la trasparenza e il merito. Basta clientele, raccomandazioni, quiz logico-matematici che non servono a nulla, per accedere ai concorsi. Sì al merito per avere i più bravi, i più preparati, i più motivati a fornire servizi di qualità alle nostre famiglie e alle nostre imprese”, ha poi aggiunto Brunetta.

Secondo il ministro “merito vuol dire equità, giustizia e coesione sociale. Vuol dire assumere e formare bene i lavoratori nel pubblico impiego. Significa avere un Paese più giusto e più equo, un Paese che cresce di più, un Paese dove si possa prendere un ascensore sociale”. “Fate bene il vostro mestiere, mettendoci la testa, voi stessi e il vostro cuore, avendo sempre a mente non solo la comunicazione pubblica, ma l’ascolto dei bisogni e delle esigenze dei cittadini. Se tutti sapremo fare bene il nostro mestiere, il prodotto finale saranno ‘clienti’ informati, consapevoli e critici: un circuito positivo scevro da pregiudizi ideologici”, ha poi concluso Brunetta.