Il presidente del Coni Malagò: Superlega? Non si può fare come la Nba. Mourinho alla Roma è un elettroschock

Condividi

“La Superlega? Non è che ti puoi svegliare la mattina e fare una cosa privatistica. A meno che non esci dal sistema, come l’Nba, che però non risponde a nessuno della pallacanestro. Mentre il calcio risponde a Federazioni, Uefa e Fifa”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, al dibattito “Come sta il calcio italiano?”, organizzato da ‘Il Fatto quotidiano’. “L’NBA è un unicum che non risponde a nessuno. Invece c’è un tema di regole, di doping, di giustizia sportiva, di giocatori da prestare alle nazionali”, ha aggiunto Malagò.

Giovanni Malagò (Foto Alfredo Falcone – LaPresse)

Il presidente del Coni, da sostenitore della Roma, ha anche parlato – come riporta Ansa – dell’arrivo di Mourinho nella Capitale. “E’ una di quelle cose che ti mettono di buon umore, se sei della Roma è stata una specie di elettroshock, poi però come si dice: andiamo a vedere che succede”. Tornando alla gestione di James Pallotta, Malagò ha poo risposto così a una domanda sulla vicenda stadio: “Se la vicenda stadio della Roma è stata per Pallotta una specie di truffa come Fontana di Trevi nel film di Totò? È una vicenda che ha qualcosa di incredibile. Sì, la penso così”.