La rivoluzione digitale del retail: con la Pandemia crescono traffico web e conversioni dei principali operatori

Similarweb

Secondo i, nel primo trimestre dell’anno le visite globali ai siti E-commerce & Shopping sono aumentate del 17%, sfiorando quota 50 miliardi.
Uno scenario profondamente mutato rispetto a quello pre-pandemico, che impone ad aziende e operatori un deciso passo in avanti nella relazione con i consumatori.

Tra i leader spicca Amazon, con una quota di traffico del 9% a livello mondiale, ma di oltre il 31% nel nostro Paese. eBay e Subito completano il podio in Italia

Stefania Balsamo

 

Nel 2020, complici le misure adottate per contrastare la pandemia, i consumatori di tutto il mondo hanno incrementato la spesa ecommerce, a beneficio dei grandi retailer. Un salto irreversibile nel digitale che sta ridefinendo il rapporto tra marca e acquirente e che non accenna a fermarsi nemmeno in questa prima parte dell’anno. A confermarlo sono i dati della società di Digital Market Intelligence Similarweb, stando a cui il traffico globale della categoria Ecommerce & Shopping è aumentato del 17,3% nel primo trimestre dell’anno rispetto al pari periodo del 2020 per un totale di 49,75 miliardi di visite.

Il leader è senza particolari sorprese Amazon, con una quota di traffico del 9% a marzo, seguito da eBay (3,26%) e Rakuten (2,05%). Una forchetta che si allarga se si sposta lo sguardo agli Stati Uniti, dove il colosso di Jeff Bezos vanta una share del 32,8% mentre eBay sale fino al 10,9%. In terza posizione siede Walmart, con il 6,9%.

In Italia, secondo i dati di aprile di Similarweb, Amazon fa da pigliatutto assorbendo il 31% del traffico, mentre completano il podio eBay (12,1%) e Subito (11,1%). Brand awareness e una strategia SEO efficace sono gli elementi decisivi per acquisire visibilità online. Infatti, Direct e Organic Search risultano tra i canali privilegiati per entrare in contatto con i siti web dei retailer, sia in Italia che nel mondo.

Un altro fenomeno da osservare con attenzione è il progressivo aumento delle conversioni della categoria Ecommerce & Shopping, un segnale che ne certifica la crescente capacità di realizzare vendite. Se il tasso di conversione da desktop dei maggiori siti ecommerce era pari al 4,9% a settembre del 2020, nel primo trimestre dell’anno è incrementato al 6,6%. Sopra la media l’Italia, con il 6,9%, mentre la Gran Bretagna guida la graduatoria mondiale con l’11,41%. Tra i verticali con i migliori tassi di conversione spiccano Grocery (19%), Libri (14,9%) e Articoli per Feste (13,7%).

Infine, prosegue anche la transizione verso il mobile, che dal 57% del 2020 passa al 60% in questo primo spaccato del 2021. Un dato di cui i brand e retailer devono tenere conto, costruendo esperienze ottimali anche per smartphone, che valorizzino le immagini e permettano di concludere l’acquisto in sicurezza e rapidità.

“È in atto una rivoluzione profondamente digitale che non riguarda solo i consumatori, ma anche e soprattutto le aziende, che dovranno sapersi adattare a nuove esigenze e desiderata”, dichiara Stefania Balsamo, Country Manager Italia – SimilarWeb Certified Partner. “La capacità di cogliere in anticipo i trend del mercato e le mosse della concorrenza rappresenta una leva fondamentale per accrescere il business e massimizzare le opportunità presenti nei mercati in cui si opera. Per il retail, al pari di altri settori, ciò significa garantire esperienze di fruizione evolute e all’avanguardia, in grado di ingaggiare il cliente finale fornendogli strumenti digitali all’altezza se non superiori alle aspettative”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim:  Sky è soggetto dominante

Diritti Tv. Sky ricorre all’Antitrust: accordo Tim-Dazn lede libertà dei consumatori. Tim: Sky è soggetto dominante

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Editori europei alla Commissione Ue: Tutelare società di media più piccole, non sovraccaricarle di obblighi di due diligence

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno

Netflix arruola Steven Spielberg e annuncia una serie di film originali già dalla fine dell’’anno