Colao: il digitale è solo il mezzo, lo scopo è l’equità sociale. Tra gli obiettivi del Pnrr lo sviluppo della rete è forse la cosa più semplice

Sostenibilità ed equità sociale sono i traguardi a cui puntare, il digitale è solo uno degli strumenti per raggiungere la meta. Il Ministro dell’Innovazione Tecnologica e la Transizione DIgitale Vittorio Colao riassume così lo spirito coordinato che muove il piano del Governo per la ripartenza nel suo intervento che chiude il ciclo di incontri Wake Up Italia, organizzato dall’Università di Verona per i suoi studenti, 15 video dialoghi con 15 leader dell’economia e della società.

“La transizione ecologica è un obiettivo, è la meta, il cuore del piano ma è anche quasi sopravvivenza” spiega Colao, perchè riguarda il mondo che lasceremo ai giovani. L’altra parte del progetto di ripartenza è “l’equità sociale: perchè le disparità nel lungo termine sono inaccettabili e nel breve insopportabili”. Il digitale invece, aggiunge mettendo a fuoco la sua responsabilità diretta, “serve a uno scopo, è lo strumento ma le altre due sono le mete”.

Tra la preparazione del Pnrr e i progetti sul tavolo, spiega ai giovani universitari Colao “le proposte che mi stanno più a cuore sono in realtà quelle che non seguo direttamente ma quelle legate alla competenza e formazione, sotto il ministro Messa. La cosa più importante – torna a ribadire – è continuare ad alimentare il nostro patrimonio di competenze, quelle tecnologiche in particolare”. Ma, puntualizza il ministro, è il quadro d’insieme la cosa importante: ognuno tiene a realizzare i progetti del suo ministero “ma tutti teniamo molto che il Piano parta, ci sono delle ‘milestones’ che se non rispettiamo ci faranno perdere l’accesso ai fondi: Importante è quindi che il piano funzioni;  ricordiamoci che è debito: il piano deve funzionare, deve portare crescita per poter ripagare questo debito”.

Tra gli obiettivi del pnrr lo “sviluppo della rete è forse la cosa piu’ semplice da fare: abbiamo bisogno di fibra perché sta li’ per trent’anni e ha una capacità sostanzialmente infinita e abbiamo bisogno di 5G
per tutti, che permetterà di fare applicazioni real time, le macchine, la logistica industriale eccetera: sono i due cardini dello sviluppo futuro e fra 5 anni li possiamo avere, sono convinto che in Europa avremo tra le migliori reti se lavoriamo bene”. Ha poi affermato Colao.

Vittorio Colao (Foto Roberto Monaldo / LaPresse)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tokyo 2020, prima settimana da record per le piattaforme discovery. Boom di nuovi abbonamenti digitali

Tokyo 2020, prima settimana da record per le piattaforme discovery. Boom di nuovi abbonamenti digitali

Nicola Claudio nominato capo staff della presidente Rai Marinella Soldi

Nicola Claudio nominato capo staff della presidente Rai Marinella Soldi

Nasce Italiadomani.gov.it, on-line opere e costi del Recovery. I cittadini potranno monitorare l’avanzamento degli investimenti

Nasce Italiadomani.gov.it, on-line opere e costi del Recovery. I cittadini potranno monitorare l’avanzamento degli investimenti