Il papà del web Tim Berners-Lee mette all’asta il codice sorgente originale di internet. La vendita da Sotheby’s

Tim Berners-Lee, il papà del web, mette all’asta il codice sorgente originale di internet sotto forma di ‘non fungible token’. L’asta sarà battuta da Sotheby’s e sarà la prima occasione per Berners-Lee di capitalizzare economicamente dalla sua invenzione, una delle maggiori dell’era moderna. “E’ l’occasione per guardare indietro a 30 anni dal codice iniziale che era molto, molto semplice” e riflette sullo status del web ora, afferma Berners-Lee in un’intervista al Financial Times.

Tim Berners-Lee

Il codice sorgente dietro al web e il suo primo browser, concepiti da Berners-Lee fra il 1989 e il 1991, non sono mai stati brevettati. Sono stati resi pubblici gratuitamente nel dominio pubblico del Cern.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

#TOKYO2020: IL MEGLIO DELL’ITALIA OLIMPICA, DAY 4 – IL VIDEO DI EUROSPORT

#TOKYO2020: IL MEGLIO DELL’ITALIA OLIMPICA, DAY 4 – IL VIDEO DI EUROSPORT