Vuoi scrivere per Aranzulla? Il blogger offre 5 euro ad articolo. Scoppia la polemica e lui: nessuno è costretto ad accettare

Salvatore Aranzulla, blogger e divulgatore informatico più famoso d’Italia, sta scatenando reazioni social per la sua offerta di lavoro: 5 euro ad articolo per scrivere sul suo sito dei temi di solito trattati o per aggiornare le schede.

Salvatore Aranzulla (Foto sito aranzulla.it)

 

Il popolo del web 

Numerosi profili social – riporta ck12.it – hanno però ritenuto “scandaloso” il compenso e per questo motivo, nel giro di qualche ora, Salvatore Aranzulla è finito al primo posto delle tendenze su Twitter.
“Ho cercato schiavismo su Google ed è uscito il nuovo tutorial di Aranzulla”, si legge tra i tantissimi tweet d’accusa. “Mi è caduto veramente in basso”, spiega un altro utente. “Aranzulla facci un tutorial su come campare con le tue offerte di lavoro”, si legge in un altro tweet. “Ci siamo giocati pure Aranzulla, non ci si può fidare più di nessuno in questo mondo”, viene fatto notare in un altro post. La risposta del blogger informatico alle critiche tuttavia non si è fatta attendere ed è stata particolarmente precisa.

La risposta di Aranzulla: nessuno è costretto ad accettare

Salvatore Aranzulla ha voluto far notare a tutti coloro che in queste ore lo stanno criticando per la sua offerta che il compenso non è riferito alle ore di lavoro, come d’altronde specificato nello stesso annuncio, ma alla singola scheda tecnica realizzata. E a quanto pare per scriverla non si impiegherebbe molto tempo. “In un’ora un collaboratore riesce a scrivere dalle 4 alle 6 schede – ha evidenziato il divulgatore di tecnologie – con un compenso lordo dai 24 ai 36 euro“.

E – prosegue ck12.it – a chi gli ha fatto notare che quell’offerta di lavoro nessuno l’accetterebbe, Aranzulla ha risposto che invece attualmente il team che si occupa delle schede prodotto è già composto da 13 collaboratori freelance. Inoltre ha specificato che per le descrizioni non è necessario perdere tempo a studiare, poiché vengono sempre forniti tutti i dati dei prodotti: “Il lavoro consiste nel renderli discorsivi”. Il divulgatore informatico ha poi fatto notare che “nessuno è obbligato a rispondere all’annuncio e nessuno è obbligato a lavorare”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

#TOKYO2020: IL MEGLIO DELL’ITALIA OLIMPICA, DAY 4 – IL VIDEO DI EUROSPORT

#TOKYO2020: IL MEGLIO DELL’ITALIA OLIMPICA, DAY 4 – IL VIDEO DI EUROSPORT