Enit lancia Open Library, il primo database nazionale di foto del Belpaese. Collezione gratuita e accessibile a tutti

Al via l’Open Library di Enit, la teca fotografica digitale con le foto che raccontano l’Italia e accessibili gratuitamente a tutti. Come si legge sul comunicato, chiunque – previa selezione – potrà collaborare alla costruzione di questo immenso archivio internet che ha l’obiettivo di classificare, socializzare e rendere disponibile online l’intero patrimonio fotografico nazionale grazie alla collaborazione con le Regioni italiane. Un’immensa comunità virtuale che conta migliaia di partner in tutto il pianeta. Si tratta di un grande archivio globale di opere digitalizzate che sono il passaparola visivo dell’Italia nel mondo.

Open Library è una teca digitale universale aperta, con un progetto in continua evoluzione. I contenuti del portale di ricerca fotografico Enit, di cui è possibile download gratuito, sono organizzati in un database flessibile e gestiti mediante un sistema semplificato che consente anche di manipolare alcune foto. Il template ospiterà contenuti tracciati per facilitare la geolocalizzazione delle foto. Gli utenti sono invogliati alla scoperta.

La piattaforma consente di rintracciare titolo, autore e credits con classificazioni per tag e aree geografiche. OL è il primo database nazionale di foto distribuite con licenze Creative Commons che ne stabilisce precise condizioni di utilizzo, indicate dall’autore del contenuto, che dovranno essere rispettate da ciascun fruitore. Il progetto ha attinto alle esperienze di openlib.emiliaromagnaturismo.it, database di elementi multimediali, prevalentemente di carattere fotografico, distribuiti gratuitamente e accessibili a tutti gli utenti web, “costola” di photo.aptservizi.com, primo archivio fotografico online sviluppato nel 2015 da APT Servizi Emilia Romagna, ente di promozione turistica regionale.

Quest’ultimo per la prima volta ha catalogato e reso disponibile liberamente e gratuitamente il capitale naturale, storico e architettonico per immagini dell’Emilia Romagna. Tale capitale è stato ottenuto grazie a numerose edizioni di Wiki Loves Monuments, edizione italiana del più grande concorso fotografico del mondo, un contest dedicato ai monumenti, che invita tutti i cittadini a documentare la propria eredità culturale realizzando fotografie con licenza libera, nel pieno rispetto del diritto d’autore e della legislazione italiana in merito.

Openlib.emiliaromagnaturismo.it contiene attualmente oltre 23.000 immagini, (provenienti dalle varie edizioni di Wiki Loves Monuments e fornite direttamente da Apt Servizi Emilia Romagna ed enti locali dell’Emilia Romagna quali province, redazioni locali e Destinazioni Turistiche), distribuite sotto licenze Creative Commons (CC), al fine di consentire la condivisione e l’uso pubblico del materiale.

L’archivio è un vero e proprio motore di ricerca multimediale, una piattaforma che permette il download di diversi formati delle immagini, con la possibilità di ritagliare e ridimensionare l’immagine in base alle proprie esigenze. La ricerca fotografica si avvale di API (Application Programming Interface), che permettono di automatizzare la visione di singole immagini, slideshow o gallerie fotografiche rispondenti ai parametri della ricerca avviata.

Per consultare l’Open Library Enit – https://openlib.enit.it/it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb, dato mensile. A maggio sul podio Corriere, Repubblica e ilMeteo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb, dato mensile. A maggio sul podio Corriere, Repubblica e ilMeteo

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup