Italia scommette sul turismo arcobaleno. Enit sigla protocollo D&I per l’ospitalita’ gay friendly

L’Italia scommette sul turismo arcobaleno e rafforza la propria strategia per l’accoglienza lgbt, con l’adesione di Enit, l’ Agenzia Nazionale Turismo, al protocollo Diversity & Inclusion, il primo in Italia dedicato all’ospitalità e alla valorizzazione dell’inclusione sociale che ha ottenuto la prestigiosa validazione Rina. Una validazione che ne esalta il valore a livello mondiale e qualifica l’Italia stessa per l’accoglienza di genere. L’adesione di Enit al protocollo D&I vedrà l’Italia, al pari di grandi mete internazionali, adottare politiche di Diversity Management all’interno della stessa organizzazione dell’Ente turistico.

Maria Elena Rossi

L’adesione al protocollo D&I – ideato dal gruppo Sonders&Beach in collaborazione con l’Aitgl – Associazione Italiana turismo gay e lesbian, per catene alberghiere, istituzioni, enti di accoglienza territoriali, tour operator e per dare un messaggio importante al target Lgbtq+ nel mondo – rafforza la partnership di Enit con Aitgl e il gruppo internazionale di viaggi e turismo lgbt Sonders&Beach, che ha promosso la candidatura dell’Italia alla Convention Iglta, l’ Associazione internazionale di turismo gay e lesbico, che ha visto la vittoria di Milano per l’edizione 2022 di questo importante evento.

Significativo inoltre il recente ingresso della direttrice marketing di Enit, Maria Elena Rossi nel comitato scientifico Aitgl, coinvolgendo le sedi Enit nel mondo per contribuire alle ricerche su questo target di mercato, che in Italia ha un valore nell’ordine di 3 miliardi di euro (dati ante Covid).

In Usa Enit New York e il gruppo Sanders&Beach Us hanno dato quindi il via ad una partnership mirata alla realizzazione di contenuti redazionali e video dedicati al turismo Lgbt che verranno veicolati attraverso la piattaforma internazionale QueerVadis.com. Nel prossimo mese di ottobre infine, in occasione della Convention Iglta 2021 che si terra’ ad Atlanta e durante la quale sara’ formalizzata la sede di Milano per l’evento dell’anno successivo, sara’ presentato lo speciale Qmagazine, una monografia dedicata completamente all’Italia, realizzata in collaborazione con l’ufficio Enit di New York.

“Il mondo del turismo non può che imparare dall’ondata di entusiasmo della comunità Lgbt per i viaggi, un mondo che sviluppa interessi altamente specifici, di impulso al settore. I turisti Lgbt che visitano il nostro Paese sono 10% dei viaggiatori totali Lgbt, offrono enormi opportunità per un’offerta legata ad un turismo di nicchia come quello esperienziale ad esempio. Enit è orgogliosa di essere uno dei tasselli per portare avanti una mission che innalza ancora di più il livello di accoglienza, diversità e inclusione dell’Italia” ha dichiarato Maria Elena Rossi direttore marketing Enit. “Abbiamo seguito un lungo itinerario assieme e in vista dell’importante appuntamento con la Convention Iglta, l’intesa con Enit si fa sempre più stretta e significativa – ha detto Alessio Virgili, presidente Aitgl e ad Sonders & Beach – per l’Italia questa è un’occasione da non perdere, e lo sarà ancora di più dopo la pandemia, creando grandi opportunità per le imprese che vogliono diversificare e investire su questo importante segmento turistico che ci qualifica come Paese accogliente anche rispetto a tutti gli altri viaggiatori”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Amazon apre ai pagamenti in bitcoin entro fine anno: balzo del 15% per la moneta digitale

Amazon apre ai pagamenti in bitcoin entro fine anno: balzo del 15% per la moneta digitale

Figc si riunisce in Consiglio, sul tavolo importanti decisioni sulla riforma dei campionati e l’esclusione del Chievo dalla Serie B

Figc si riunisce in Consiglio, sul tavolo importanti decisioni sulla riforma dei campionati e l’esclusione del Chievo dalla Serie B

“Ancora incertezze sul canone, i danni li pagheranno i lavoratori?”, la lettera dell’Usigrai ai nuovi vertici Rai

“Ancora incertezze sul canone, i danni li pagheranno i lavoratori?”, la lettera dell’Usigrai ai nuovi vertici Rai