Nasce Marche Dab, unione di emittenti locali Aeranti-Corallo

E’ stata costituita nella giornata odierna, ad Ancona, una società consortile, partecipata da imprese radiofoniche locali commerciali e comunitarie, tutte associate AERANTI-CORALLO (concessionarie per le trasmissioni radiofoniche analogiche e autorizzate quali fornitori di contenuti per la radiofonia digitale terrestre in ambito locale in tutto o parte della Regione Marche), per l’esercizio dell’attività di operatore di rete per la radiofonia digitale terrestre (in tecnica dab+) nella stessa Regione Marche.

Si tratta – spiega una nota dell’associazione – della società “Marche Dab”, partecipata delle seguenti emittenti radiofoniche locali AERANTI-CORALLO: Radio Antares, Radio Bruno, Radio Duomo, Radio Italia Anni 60, Radio Mater, Radio Nuova Macerata, Radio Studio Delta, Radio Gamma Regione Romagna, Radio Stella, Veronica My Radio 2.
Amministratore unico della società è stata nominata Elena Porta.

Nei giorni scorsi altri editori locali hanno costituito altre due società consortili, per l’esercizio della radiofonia digitale terrestre rispettivamente nella regione Abruzzo e nella regione Marche. Si tratta di Adria Dab Abruzzo, (partecipata da emittenti radiofoniche locali, tutte facenti parte del sistema associativo AERANTI-CORALLO) e Adria Dab Marche (partecipata da emittenti radiofoniche locali, in maggioranza facenti parte del sistema associativo AERANTI-CORALLO).

Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo

Marco Rossignoli, coordinatore Aeranti-Corallo

A margine della costituzione di Marche Dab, il coordinatore AERANTI-CORALLO, avv. Marco Rossignoli, ha espresso grande soddisfazione per il continuo rafforzamento della presenza digitale dell’emittenza radiofonica locale intrapreso dalle imprese del sistema associativo AERANTI-CORALLO. E’ ora importante – ha proseguito Rossignoli – che il Ministero dello Sviluppo Economico consenta l’attivazione di impianti sperimentali dab+ in attesa della nuova pianificazione delle frequenze che deve essere emanata dall’Agcom e che dovrebbe diventare operativa dopo luglio 2022, a seguito del completamento della transizione televisiva al digitale terrestre di seconda generazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

#TOKYO2020: IL MEGLIO DELL’ITALIA OLIMPICA, DAY 4 – IL VIDEO DI EUROSPORT

#TOKYO2020: IL MEGLIO DELL’ITALIA OLIMPICA, DAY 4 – IL VIDEO DI EUROSPORT